Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 26 Luglio |
Santi Gioacchino e Anna
home iconStile di vita
line break icon

La santità del matrimonio: Luigi e Maria Beltrame Quattrocchi

© Public Domain

ZENIT - pubblicato il 26/08/14

La testimonianza dei due coniugi beatificati da Giovanni Paolo II nel 2001

Alla fine del mese di agosto e alle soglie del Sinodo sulla famiglia diottobre, la Chiesa festeggia oggi, 26 Agosto, la nascita al cielo di Maria Corsini, moglie di Luigi Beltrame Quattrocchi.

I coniugi Beltrame Quattrocchi sono stati beatificati il 21 ottobre del 2001 da San Giovanni Paolo II. Per la prima volta due coniugi sono stati beatificati insieme durante una celebrazione liturgica. Questo fatto assume un significato rilevante, perchè ci indica che il matrimonio cristiano è una via sicura per giungere alla santificazione personale e di coppia.

Normalmente quando sentiamo parlare di santi pensiamo ai martiri, ai Vescovi, ai preti, alle suore, o alle persone consacrate. La beatificazione di questi due coniugi ci ricorda che la famiglia cristiana è la culla della santità dove nasce, matura e si espande la vocazione ad amare Dio e il prossimo.

Luigi e Maria hanno vissuto un amore fecondo non solo nel loro matrimonio, attraverso l’accoglienza dei loro 4 figli, ma anche nell‘apostolato che ognuno ha svolto nel proprio ambito dove il Signore li ha chiamati.

Durante la prima guerra mondiale, i due coniugi si dedicarono all’assistenza dei soldati, dei feriti e delle famiglie in difficoltà. Entrambi erano soliti accostarsi regolarmente al Sacramento della Confessione e della Comunione. La Messa e la comunione quotidiana erano diventate il cardine su cui edificare ogni attività della loro giornata.

Luigi e Maria si distinsero nelle molto attività di apostolato laicale. Si impegnarono nell’Azione Cattolica e nel sostegno all’Università Cattolica, oltre a praticare tante iniziative a servizio dei giovani, dei lavoratori e dei poveri.

Maria, infermiera volontaria della Croce Rossa, durante le due guerre si prodigò instancabilmente per i soldati feriti. Maria si impegnò con grande dedizione come catechista nell’ambito parrocchiale, organizzando corsi per i fidanzati, una assoluta novità pastorale per quei tempi nei quali la formazione alla vita matrimoniale era ritenuta superflua.

Maria fu una scrittrice impegnata, dedicandosi alla stesura di libri di carattere educativo, per diffondere una cultura dell’amore familiare radicato nella dottrina ecclesiale e negli insegnamenti evangelici. Tra i beneficiari di questi scritti Maria pensava anche ai suoi figli, per lasciargli un memoriale del suo insegnamento cristiano pieno di vera umanità e di illuminato senso pratico.

La testimonianza di Luigi e Maria è stata davvero luminosa per i loro 4 figli che hanno tutti abbracciato la vita ecclesiastica: Filippo (don Tarcisio) sacerdote diocesano, Stefania (suor Maria Cecilia) monaca benedettina, Cesare (padre Paolino) monaco trappista, ed Enrichetta, l’ultima nata, consacrata secolare.

I coniugi Beltrame Quattrocchi sono un luminoso esempio anche per i nostri giorni. Essi ci insegnano che la prima vocazione cristiana dentro la famiglia è quella di amare il proprio coniuge con un amore tenero, rispettoso e perseverante.

La fede di Luigi ha ricevuto un grande impulso grazie all’esempio e alle parole di Maria. E questo è il primo insegnamento valido ancora oggi per noi: ogni coniuge è chiamato prima di tutto a trainare l’altro sulla via della santità. Tra moglie e marito è difficile che vi sia una equità di fede, di speranza e di carità. Dio ha dato ad ognuno dei due coniugi la fede sufficente per sostenere l’altro. Questa è la grazia sacramentale del matrimonio: rimanere uniti al Signore per ricevere gratuitamente la forza spirituale sufficente per sostenere la vita di fede del marito o della moglie.

I loro esempio vuole dirci che l’amore non scaturisce per autoreferenzialità o per particolari sforzi personali. L’amore dei santi trova la sua fonte nel cuore misericordioso di Dio. Come l’acqua va attinta dalla sorgente prima di essere bevuta, così l’amore autentico, gratuito e disinteressato ha bisogno di essere alimentato dalle fonti di un vita di preghiera e dalle sorgenti della partecipazione ai Sacramenti.

  • 1
  • 2
Tags:
famigliamatrimoniosanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
4
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
5
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
6
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
7
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni