Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconNews
line break icon

Cardinal Pell: il Meeting di Rimini è un luogo di libertà

© OSSERVATORE ROMANO / AFP PHOTO

CITE DU VATICAN, Vatican City : This handout picture released by the Vatican Press Office taken on February 28, 2013 shows Australian cardinal George Pell. AFP PHOTO/OSSERVATORE ROMANO RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT “AFP PHOTO/OSSERVATORE ROMANO"

Quotidiano Meeting - pubblicato il 26/08/14

Il porporato australiano, segretario vaticano per l’Economia, mischiato tra la folla all’ingresso delle mostre e agli incontri

di Paolo Cavallo

Tanta curiosità, tanta voglia di vedere con i propri occhi e di capire che cosa muove centinaia di migliaia di persone, in larga parte giovani, a partecipare a un evento “strano” come il Meeting di Rimini. Senza contare i volontari che trascorrono le loro vacanze offrendo un servizio a sostegno della settimana di incontri, di presentazioni, di spettacoli.

Il cardinale George Pell, ex arcivescovo di Sidney e prefetto della segreteria per l’Economia del Vaticano, ha lo sguardo carico di stupore. È arrivato da poche ore e si muove da un padiglione all’altro, da uno stand all’altro. Attento ai piccoli particolari: il sorriso dei volontari, la disponibilità delle persone, le migliaia di persone che si affollano agli ingressi dei saloni degli incontri.

Eminenza, che cosa l’ha portata al Meeting?
Ne ho sempre sentito parlare in termini importanti: una manifestazione con tanta gente, con molti incontri e una notevole apertura al dialogo e al confronto con personalità di diversi credo religiosi e posizioni politiche e culturali anche molto distanti. Non è che fossi dubbioso, ma certamente cresceva in me il desiderio di venire e vedere. L’ho fatto e il primo impatto è andato oltre ogni previsione. Mi ha impressionato una partecipazione così ampia, in particolare dei giovani. Di gente con il volto sereno, lieto. Famiglie, adulti, ragazzi. Non è una situazione che si ripeta normalmente e non può passare inosservata.

Il tema del Meeting è molto caro a papa Francesco. Che cosa pensa di questo filo conduttore che lega incontri, mostre, spazi di iniziative culturali e anche gli spettacoli?
Qui si ragiona di temi importanti, del senso vero della vita e del destino che accompagna l’uomo verso un fine che Dio vuole buono per noi tutti. Argomenti, dunque, che stanno alla base del nostro essere cristiani, ma anche del nostro essere uomini, al di là del credo religioso o della posizione culturale. E se ne parla con profonda libertà e acutezza, con il desiderio di costruire una buona storia umana. Questa è una realtà connaturata al Meeting.

Molti incontri e molti approfondimenti sono dedicati alla situazione del Medioriente e alla persecuzione dei cristiani. Che cosa prova di fronte a una realtà che possiamo definire di vero martirio dei nostri fratelli?
Sono sincero: non avrei mai pensato che saremmo arrivati a una situazione come quella che stiamo vivendo in questi ultimi mesi. Il dramma dei cristiani perseguitati e uccisi a causa della loro fede offre l’opportunità di una riflessione profonda sulla nostra esperienza, sul nostro essere fratelli di Gesù il Nazareno e figli di Dio. Il Meeting è un momento importante, profondo e per certi aspetti, come l’ampiezza e la capacità di aggregazione, assolutamente unico, in cui questa realtà può essere riconosciuta e valutata nella sua pienezza.

Eminenza, che cosa racconterà al Papa di questa sua esperienza al Meeting?
Quando avrò modo di incontrare il Santo Padre, gli racconterò di questo popolo che desidera seguire il suo richiamo a essere una Chiesa aperta, “in uscita” come ha scritto nel messaggio inaugurale. Qui c’è gente che non solo è alla ricerca, ma è desiderosa di annunciare il Vangelo di Cristo al mondo.

Qui l’originale

Tags:
meeting di rimini 2014
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni