Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconNews
line break icon

Volti e storie dietro il dramma degli sbarchi

ITALIAN COAST GUARD PRESS OFFICE / AFP

Quotidiano Meeting - pubblicato il 25/08/14

Carla Trommino racconta di come le è cambiata la vita svolgendo l’opera di assistenza ai migranti minorenni

di Luca Maggi

Carla Trommino è un avvocato immigrazionista di Siracusa ed è presidente dell’associazione AccoglieRete, che aiuta i minori che sbarcano sulle coste della Sicilia. Aderisce all’Arci, associazione ricreativa legata alla sinistra. Oggi alle 11.15 sarà tra i relatori dell’incontro “L’immigrazione e il bisogno dell’altro: Italia, Europa, mondo” che si terrà nel Salone Intesa Sanpaolo D5.

Come mai è arrivata al Meeting?
È la prima volta che sono ospite a Rimini. Ho conosciuto la comunità di Comunione e liberazione di Siracusa, perché molti degli aderenti sono impegnati come volontari per diventare tutori di minori migranti. Da lì siamo diventati amici, e quando è stata presentata la biografia di don Giussani mi hanno invitata. Quel giorno ho conosciuto Alberto Savorana, che era venuto a presentare il suo libro, il quale mi ha chiesto di venire a Rimini a raccontare del mio lavoro.

Lei è avvocato immigrazionista e lavora per garantire la tutela dei minori non accompagnati. Perché ha deciso di dedicarti ai migranti?
Mentre studiavo giurisprudenza a Catania ho iniziato ad appassionarmi al diritto del lavoro, perché vedevo che c’era bisogno di persone che difendessero i diritti in quel campo. Poi ho conosciuto il mondo dell’immigrazione e ho scoperto che conteneva una sfida forte: all’inizio conoscevo soltanto il lato giuridico dei migranti, era come se vedessi isolamente il documento d’identificazione. Non che la tutela giuridica non sia importante, ma il bello di questo lavoro è che ti apre a tutta la vita di chi ti trovi di fronte.

Oggi qual è la condizione dei minori che sbarcano in Italia?
Prima i minori neanche si conoscevano, perché venivano affidati subito alle comunità. Quando i fondi hanno cominciato a scarseggiare, si sono dovute trovare strade nuove per difenderli, per evitare che restassero nei centri di accoglienza con gli adulti. Lì sono in pericolo, subiscono violenze e spesso ne escono con traumi indelebili. Uno dei problemi più gravi è che le persone che sbarcano si ritrovano lontane dalla loro cultura; questo rischia quasi di fermare lo sviluppo, quasi che la vita fosse rimasta intrappolata nel Paese d’origine. Un mio amico di 38 anni è arrivato in Italia più di 15 anni fa, e un giorno mi ha detto: «A volte mi sembra che la mia vita si sia fermata a 23 anni».

Da dove può ripartire un uomo strappato dalla realtà in cui è cresciuto?
La permanenza nei centri di accoglienza svuota la persona. Infatti, non facendo niente tutto il giorno, le persone diventano pigre e non si prendono cura né di se stessi né degli spazi in cui vivono. I centri di permanenza temporanea sono forse il luogo peggiore dove lasciare i migranti, e spesso alcuni problemi che si verificano dopo il soggiorno sono dovuti proprio a quei luoghi. È curioso che tantissimi dei minori che arrivano, quasi tutti, chiedano con insistenza una scuola dove imparare e un lavoro. E anch’io credo che la strada dell’educazione sia la via più giusta.

Per questo è nato il progetto AccoglieRete di tutela e di collocamento nelle famiglie?
Io sostengo che la famiglia sia il luogo più adatto dove un minore migrante possa essere collocato. Certo non esistono ricette perfette, ma cercare di inserire una persona in un contesto educativo come quello famigliare dà i suoi frutti, anche per chi decide di accogliere. Non a caso nelle 18 famiglie e nelle 2 comunità parrocchiali che hanno aderito, tutti hanno dato molto più di quanto era stato loro chiesto.

Rispetto alle solite cronache dei giornali sull’immigrazione, sembra di conoscere un mondo nuovo.
Certo. Ed è affascinante, perché uno pensa di sapere già tutto o di essere noi i migliori, invece ti trovi a dover imparare di nuovo. Quando mangiavo con Khalifa, un minore che avevo accolto, ho notato che continuava a stare zitto; io lo guardavo e gli facevo tante domande, ma vedevo che abbassava lo sguardo, così mi sono preoccupata e pensavo che fosse un problema grave. Una sera è sbottato dicendomi che non poteva parlare quando mangiava semplicemente perché, nella sua cultura, è segno di cattiva educazione. Il mio lavoro ti spinge a conoscere tutta la realtà della persona che hai di fronte, altrimenti è impossibile convivere e integrarsi: prima che arrivassimo con l’associazione, i migranti erano dei numeri identificativi, scritti su un documento. Il nostro lavoro ci ha spinti a conoscere davvero chi sono, fino a capire da che paese sono partiti e come si chiamano, con uno sguardo come quello che viene raccontato nella mostra di Avsi. O s’impara a entrare in rapporto “da cuore a cuore”, oppure l’alternativa saranno i ghetti o le banlieu, come a Parigi.

Qui l’originale

Tags:
immigrazionemeeting di riminimeeting di rimini 2014
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni