Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Tutti pronti per la “Partita per la Pace”

Match For Peace

© match for peace

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 25/08/14

Un match di solidarietà e dialogo interreligioso voluto da Papa Francesco. Aleteia tra i partner dell'iniziativa.

Il 1° settembre alle ore 20:45 a Roma allo Stadio Olimpico, si giocherà la prima Partita interreligiosa per la Pace, una sfida amichevole di calcio organizzata da Fondazione Pupi e Scholas Occurentes, alle quali verrà devoluto il ricavato degli incassi, e che gode del patrocinio, tra gli altri, di Fifa, Coni, Figc, Lega Serie A, Roma Capitale e Csi.

Il ricavato verrà destinato al progetto “Un’alternativa di vita”, promosso da “Scholas Occurentes”, ente educativo fortemente voluto da Papa Francesco e dalla associazione “Pupi” fondata dall’ex calciatore argentino Javier Zanetti e da sua moglie Paula. Per sostenere l’iniziativa “Un’alternativa di vita” (si può inviare un sms solidale al numero 45593). Durante la conferenza stampa, mons. Guillermo Javier Karcher, officiale e della Segreteria di Stato e cerimoniere pontificio, ha portato il saluto di Papa Francesco: “Stamani, mentre parlavo con il Santo Padre di questo incontro con voi mi ha chiesto di ringraziarvi per aver voluto aderire a questa sua iniziativa che vuol essere un’ulteriore scommessa per la pace. Come si sa, è stato lo stesso Papa Francesco a lanciare questa proposta: organizzare una partita interreligiosa, una partita amichevole tra giocatori di ogni squadra e di ogni religione e confessione cristiana. "Scholas" (Scholas Ocurrentes) mira alla costruzione di una rete di interscambio di progetti educativi e di valori per favorire la cultura dell’incontro e la cultura della pace. Ecco perché il Papa ha voluto che prima di ogni partita si piantasse, anche in modo simbolico, un ulivo; come quello che lui – quando era arcivescovo di Buenos Aires nell’Anno Santo, nell’anno 2000 – piantò in Plaza de Mayo insieme a sette mila alunni di diverse scuole – statali e non – e alla presenza dei rappresentati di altre religioni” (Radio Vaticana, 25 agosto).

Questo match è stato «ispirato» da papa Francesco è stato presentato oggi presso la sede di Radio Vaticana. "La cosa più importante non è la partita di calcio ma il messaggio di pace nel mondo che vuole dare il nostro Papa", ha sottolineato il vicepresidente dell’Inter Javier Zanetti.

Oltre a Zanetti, erano presenti il calciatore della Roma Juan Iturbe, e del capitano della Lazio Cristian Ledesma, nonché del presidente della Pirelli Marco Tronchetti Provera e del Ceo Emea Fiat Alfredo Altavilla, entrambi top partner dell’evento. L’amichevole dell’Olimpico coinvolge un’ampia selezione dei migliori calciatori di oggi e di ieri, scelti dai due tecnici: Gerardo "Tata" Martino, fresco selezionatore della Nazionale Argentina, e Arsene Wenger, coach dell’Arsenal

Tra i calciatori presenti, che si sfideranno in due squadre allenate da Tata Martino e Arsene Wenger e capitanate dallo stesso Zanetti e da Buffon, sono attesi Pirlo, Ranocchia, Toni, Podolski, Ozil, Nainggolan, Eto’o, Lavezzi e Icardi. E poi ancora Baggio, Simeone, Ronaldinho, Inzaghi e Shevchenko, oltre ad altri nomi che potrebbero essere a sorpresa all’Olimpico ("Totti e Del Piero – ha spiegato Zanetti – mi hanno assicurato che faranno di tutto per esserci"). Sicuramente ci saranno Iturbe e Ledesma, in prima fila ad assistere alla conferenza: "Rappresentano le squadre di questa città e sono felice che siano qui a dare la loro testimonianza. Spero che lo stadio sia pieno", dice ancora Zanetti. "La cosa più importante è il messaggio che si da per i bambini, spiega Ledesma, mentre per Iturbe "è bello, per un giovane come me, fare parte di qualcosa di così importante". La partita per la pace sarà trasmessa in diretta da Rai Uno (Gazzetta dello Sport, 25 agosto).

Diverse stelle del calcio italiano e internazionale di livello mondiale in rappresentanza di culture e soprattutto religioni diverse (buddista, cristiana, ebraica, induista, musulmana, shintoista), in campo per veicolare un messaggio di fratellanza e condivisione tra tutti i popoli nel nome della Pace. Non mancano però alcune note negative come la notizia dei giorni scorsi che l’ex stella dell’Egitto e dell’Al Ahly,
Mohamed Aboutreika, avrebbe rifiutato l’invito a partecipare alla partita della Pace per la presenza in campo dell’ex centrocampista israeliano Yossi Benayoun, ex giocatore di Liverpool e Chelsea: "Ho rifiutato l’invito per la partecipazione di sionisti. Stiamo dando un esempio alle nuove generazioni", ha scritto su Twitter il 35enne ex attaccante, che ha chiuso lo scorso anno la sua carriera di calciatore (Rai News 24, 23 agosto).

"L’idea è nata da un colloquio in privato che ho avuto la fortuna di avere con Papa Francesco", ha spiegato Zanetti, ideatore con la moglie Paula della Fondazione Pupi. "Con il Santo Padre – ha aggiunto il dirigente interista – abbiamo parlato di tante cose, una di quelle che preoccupano di più è la pace nel mondo. Allora ci è venuta questa idea e poter coinvolgere tanti colleghi e amici, può essere un punto di partenza per il mondo intero. La cosa più importante non è la partita di calcio ma il messaggio di pace nel mondo che vuole dare il nostro Papa" (Avvenire, 25 agosto).

E’ prevista l’esibizione di Violetta e di Nek durante l’evento, Rai Uno coprirà l’evento.

Tags:
papa francescopartita per la pace
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni