Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconNews
line break icon

Ragazza rapita dall’ISIS: “Alcune di noi si sono impiccate per evitare abusi”

AFP/ PHOTO/ ALI AL-SAADI

IRAQ, Baghdad : Iraqi female detainees hide their faces after being freed on February 28, 2013 in the Iraqi capital Baghdad. 160 prisoners were freed today and Iraq has freed 4,000 prisoners since the beginning of 2013, Deputy Prime Minister Hussein al-Shahristani said Thursday, in an apparent bid to placate protesters in Sunni areas of the country. AFP/ PHOTO/ ALI AL-SAADI

Aleteia - pubblicato il 21/08/14

«Ci scelgono per i loro emiri. Vengono tre o quattro volte al giorno. Le ragazze li implorano di sparargli in testa e liberarle dalla miseria»

«Diverse ragazze si sono suicidate. Oggi una ragazza si è impiccata con il velo ed è morta. Salvateci, salvateci. Chiunque possa sentire la nostra voce, Stati Uniti, Europa, chiunque, per favore aiutateci, salvateci».

Grida con tutta la voce che ha, una ragazza 24enne che è riuscita, segretamente, a entrare in contatto telefonico con l’emittente televisiva curda Rudaw. La sua identità è protetta perché lei è una delle duecento ragazze irachene yazidi sessualmente schiavizzate dai miliziani dell’Isis. Lei, una delle testimoni dirette della tremenda avanzata dello Stato Islamico che sta seminando terrore e morte nella popolazione locale.

La giovane, come riporta Tempi.it (21 agosto), ha raccontato la sua vicenda e quella di alcune sue compagne che, dopo i soprusi subiti, si sono suicidate.

Durante la telefonata, la ragazza ha spiegato di essere segregata in una sala di un edificio di Baaji, contea in provincia di Mosul. Piangendo ha chiesto al giornalista di chiedere ai jet di bombardare l’area, perché preferiva essere uccisa che subire altre sevizie. 

La chiamata telefonica poi si interrompe bruscamente. Poco dopo ne segue una seconda in cui la ragazza racconta che «alcune ragazze si sono suicidate. Oggi una di loro si è impiccata con il foulard ed è morta».

Tags:
iraqmedio oriente
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni