Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
Chiesa

L'italiano di Seul

Marcin Mazur/Catholic NewsUK

Vinonuovo.it - pubblicato il 21/08/14

L'uso da parte di Papa Francesco dell'italiano anche fuori dall'Italia è un promemoria per una vocazione più ecumenica?

Tra i tanti spunti che in questi giorni il viaggio di Papa Francesco in Corea ha offerto ce n’è uno – un po’ marginale – che personalmente mi ha colpito molto: il fatto che Bergoglio in Estremo Oriente abbia pronunciato tanti discorsi in italiano. Anche quando si è trattato di parlare a braccio davanti ai giovani coreani, non sentendosi abbastanza forte con l’inglese, non ha comunque optato per lo spagnolo, la sua lingua madre: ha scelto lo stesso l’italiano. Vado a memoria, ma negli ormai cinquant’anni di storia dei viaggi papali non credo proprio che ce ne sia stato un altro che abbia visto la nostra lingua utilizzata così tanto e per di più in un contesto così lontano, dove è decisamente poco parlata e compresa.

Non so se quella del Papa sia stata una scelta dettata da ragioni pratiche o abbia dietro anche una motivazione ecclesiologica (il vescovo di Roma parla la lingua di Roma, anche se è nato in Argentina e si trova in Corea). Sta di fatto, però, che sentire un Papa parlare in italiano dell’Asia di oggi e delle sue sfide mi è suonato molto intrigante. Non ho potuto fare a meno – infatti – di ragionare su un paradosso: abbiamo un successore di Pietro "venuto dalla fine del mondo" che visitando popoli lontani si esprime in italiano. Ma oggi abbiamo anche un’Italia che non solo non eccelle nel dono delle lingue, ma fa proprio una fatica enorme a guardare a qualunque cosa accada fuori dai propri confini.

C’è voluta una tragedia immane come quella di queste ultime settimane – ad esempio – per farci capire che in Iraq (non da ieri) sta capitando qualcosa di grave. Oggi tutti parliamo dell’Isis. Ma forse varrebbe la pena di ricordare che per via della vicenda di padre Paolo Dall’Oglio noi italiani saremmo dovuti essere stati i primi a capire. Avremmo dovuto sapere che è dall’estate scorsa che a Raqqa è successo tutto quanto poi puntualmente si è ripetuto a Mosul e a Qaraqosh, con le stesse violenze e le stesse stragi. Ma così non è stato.

Il dramma che si sta consumando in Medio Oriente non è, però, l’unico esempio. La nostra sola preoccupazione di fronte al virus Ebola è se abbiamo preso tutte le contromisure perché il contagio non arrivi anche qui da noi. Lo stesso Expo2015 di Milano – che pure poteva diventare un’ottima occasione per parlare di una questione cruciale come "nutrire il mondo" – l’abbiamo trasformato in una sagra dell’agroalimentare su scala globale, condita con qualche bello slogan sul diritto all’alimentazione.

L’elenco potrebbe andare avanti a lungo: dalle prime pagine dei quotidiani alle ore di geografia a scuola, dai tweet che inviamo ai libri che leggiamo, siamo un Paese in cui non c’è spazio per ciò che sta fuori dai nostri confini. Ed è un fenomeno che viviamo anche come Chiesa: qual è l’ultima esperienza ecclesiale interessante praticata in un altro Paese che abbiamo messo in circolo nelle nostre comunità italiane? E – nonostante tutte le parole di Papa Francesco – quali iniziative di approfondimento sul tema della giustizia tra i popoli abbiamo messo in campo in questi mesi? Senza andare troppo lontano, è un discorso che vale anche per Vino Nuovo: ogni articolo che parla di vicende non italiane vede inesorabilmente scendere il numero delle visite al sito. Questo tanto per dire che la tentazione di rinchiuderci su noi stessi ce l’abbiamo dentro proprio tutti.

Ecco, il punto è proprio questo: Papa Francesco oggi è l’unico a utilizzare l’italiano per parlare del mondo intero. Non lo fanno i nostri politici (con buona pace del gran parlare di Iraq di questi ultimi giorni), non lo fanno gli imprenditori o gli intellettuali, lo fa il Papa. Ma non è che così facendo Bergoglio ci sta anche richiamando quella che – invece – sarebbe una precisa vocazione del cattolicesimo italiano? Il mondo guarda a Roma. Persino l’Isis – quando lancia le sue minacce deliranti – parla di Roma come del simbolo per eccellenza di qualcosa di universale. E allora come possiamo noi cattolici rassegnarci a vivere in un Paese che non sa spingersi oltre alla Garbatella e appiattire su questo formato bonsai anche le nostre comunità?

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesa italianapapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni