Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconNews
line break icon

Iraq, card. Filoni critica la posizione dei grillini: “Vengano a vedere le facce di questi bambini”

AP

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 19/08/14

Raggiunto telefonicamente mentre è ancora in missione in Iraq, il porporato ha detto: «Più che parlare si farebbe meglio a stare zitti»

«Più che parlare si farebbe meglio a stare zitti». Conclude così la telefonata con il giornalista del Fatto Quotidiano (19 agosto), il cardinale Fernando Filoni, inviato da papa Francesco in Iraq. Interpellato sulle parole del deputato del Movimento Cinque Stelle, Alessandro Di Battista, il cardinale ha detto: «Vorrei che tutti quelli che fanno commenti, quelli che vorrebbero saperne di più, vengano a guardare le facce di queste donne e di questi bambini distrutti».

E’ il settimanale Tempi, che ricostruisce la sequenza con cui prima di Di Battista e poi un altro deputato grillino, Manlio Di Stefano, avevano giustificato con parole ambigue i terroristi del Califfato islamico, riportando poi l’ennesima posizione del Movimento circa il sostegno alle forze che in questo momento fronteggiano l’ISIS oggi su Repubblica (19 agosto). A parlare è il deputato Carlo Sibilia, che dice che bisognerebbe «fare un referendum per chiedere agli italiani se sono d’accordo con l’invio di armi ai curdi». Sibilia suggerisce: «Certo, adesso è difficile offrire una soluzione per fermarli. Mi rendo conto della preoccupazione e non sottovaluto il problema». Quindi? «Se fossimo stati noi al governo non si sarebbe arrivati a questo punto».

Nel frattempo i terroristi dello Stato islamico intanto hanno pubblicato su internet un nuovo video con la minaccia di «colpire gli Usa ovunque». Vi compare la foto della decapitazione di un uomo statunitense durante la guerra in Iraq: «Annegherete nel sangue» (Tempi, 19 agosto).

Proprio ieri – durante il rientro a Roma sul volo che lo riportava da Seoul – il Papa aveva risposto ad una domanda di un giornalista americano: “le forze militari degli Stati Uniti da poco hanno incominciato a bombardare dei terroristi in Iraq per prevenire un genocidio, per proteggere il futuro delle minoranze – penso anche ai cattolici sotto la Sua guida. Lei approva questo bombardamento americano?” Bergoglio aveva risposto così: “Grazie della domanda così chiara. In questi casi, dove c’è un’aggressione ingiusta, posso soltanto dire che è lecito fermare l’aggressore ingiusto. Sottolineo il verbo: fermare. Non dico bombardare, fare la guerra, ma fermarlo. I mezzi con i quali si possono fermare, dovranno essere valutati. Fermare l’aggressore ingiusto è lecito. Ma dobbiamo anche avere memoria! Quante volte, con questa scusa di fermare l’aggressore ingiusto, le potenze si sono impadronite dei popoli e hanno fatto una vera guerra di conquista! Una sola nazione non può giudicare come si ferma un aggressore ingiusto. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, è stata l’idea delle Nazioni Unite: là si deve discutere, dire: "E’ un aggressore ingiusto? Sembra di sì. Come lo fermiamo?". Soltanto questo, niente di più” (Sala Stampa Vaticana, 19 agosto).

L’esperienza di atti unilaterali e di una mancanza di strategia della ricostruzione e soprattutto della riconciliazione nei paesi oggetto di intervento militare, suggerisce una prudenza da parte della Santa Sede, posizione che il Papa offre alla comunità internazionale.

Tags:
cristiani perseguitati in iraqiraqmovimento 5 stelleterrorismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni