Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconNews
line break icon

Il cuore del Meeting? Quel che accade nel mondo

© lyonora

Meeting di Rimini - pubblicato il 19/08/14

Le parole di Giorgio Vittadini sul centro della kermesse: testimoni che cercano la pace, gente da cui imparare

Riproponiamo il testo dell’intervista a Giorgio Vittadini pubblicata il 19 agosto sul quotidiano "La Repubblica" e ripresa dal sito ufficiale del Meeting di Rimini.

«Renzi non viene al nostro raduno? Noi facciamo il tifo per il suo governo», giura il presidente della Fondazione per la Sussidiarietà Giorgio Vittadini. Ecco il Meeting che non ti aspetti. O forse sì, visto l’irrinunciabile afflato governativo di Cl. Anche se il premier diserterà ostentatamente l’evento.

Vittadini, Renzi vi ha dato buca.
«L’abbiamo invitato volentieri, era doveroso. Capiamo che in una situazione così difficile non venga, ma non leva niente alle testimonianze del Meeting». 

Magari diserta a causa dei recenti scandali di alcuni ciellini. Penso a Formigoni, ad esempio.
«Questo bisogna chiederlo a Renzi, non a noi. Non ci sembra proprio, comunque, e non ci interessa. Mi sembra gossip».

E se il premier cambiasse idea e partecipasse?
«Figuriamoci, per noi è sempre ben accetto: se vuole, tanto di guadagnato. Avremo personalità dell’economia e ministri».

Non Renzi, che invece va dagli scout. Siete gelosi?
«Non scherziamo. Non guardiamo certo dove va un premier, sarebbe una scelta di bassissimo profilo.
Sono gelosie e cattiverie che non stanno in piedi. E poi il Meeting in questi anni è stato coerente: da Monti a Letta, sempre attento alla richiesta di governabilità».

Renzi si sta muovendo bene?
«Sì. Naturalmente la crisi non si fronteggia in un giorno. Che abbia il tempo che serve».

Fate il tifo per questo esecutivo, insomma?
«È impegnato anche per le riforme istituzionali: guardiamo con speranza alla sua azione. Facciamo il tifo affinché Renzi riesca nell’impresa, sarebbe una tragedia se fallisse».

Eppure esiste un’ala antigovernativa, tra voi.
«E che facciamo, ci mettiamo a fare i dispettucci al governo? Poi, certo, essendo un mondo e un popolo c’è un dibattito vivacissimo: un po’ stanno di qua, un po’ di là».

Insomma, siete governativi. Come sempre.
«Da sempre. Ci hanno accusato di essere montiani, lettiani…».

E berlusconiani, soprattutto. Una parabola conclusa?
«Nel 2008 – parlo a titolo personale – l’ho votato. Speravo in una rivoluzione liberale: ha fallito. È un giudizio storico».

Ora lei parla da renziano: l’ha votato alle Europee?
«Se riuscirà, sarà un bene. Diamo credito al governo e aspettiamo»

Il nuovo Papa ha stravolto gli equilibri del mondo cattolico. Anche per questo siete più ombra?
«Guardi, noi siamo entusiasti di questo Papa. Ha rimesso al centro Cristo. E poi scusi, noi non vogliamo certo che lui segua noi: siamo noi che seguiamo lui!».

Bergoglio denuncia il rapporto troppo stretto col potere. Voi, in passato, siete stati collaterali ai governi.
«Senta, due anni fa Carròn – che guida Cl – disse: abbiamo dato dei pretesti. Ecco, magari con il Meeting abbiamo commesso degli errori. Se sbagliamo, impariamo».

Questo Meeting rischia di essere poco centrale.
«Noi comunque portiamo avanti la nostra identità. In passato ci sono stati meeting con attenzione mediatica, altri meno. Ce ne siamo sempre fregati».

Quale sarà il cuore del raduno?
«Sarà il racconto di quel che accade nel mondo: con il primate nigeriano, il vescovo iracheno, l’archeologo siriano, padre Pizzaballa, il filosofo Filonenko, il costituzionalista Weiler… Testimoni che cercano un orizzonte di pace. E ci sarà anche la mostra su Jannacci e Guareschi: misero al centro personaggi periferici, dal barbone agli zingari. Gente che non cerca il potere, ma dalla quale imparare. È questo il cuore del Meeting»

Tags:
meeting di riminimeeting di rimini 2014
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni