Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
Paolino di Nola
home iconArte e Viaggi
line break icon

Si può essere ragazzi di strada africani e raccontare una speranza?

Aleteia - pubblicato il 18/08/14

L'incontro con la comunità di recupero Koinonia, la passione per la musica e la danza che diventano lo spettacolo acrobatico "Una fame che ci vedo!"

Acrobati kenyoti venuti dalla strada che vogliono documentare l’esistenza di una speranza nella loro vita. E’ il senso dello spettacolo "Una fame che ci vedo!" in scena durante la prossima edizione del Meeting di Rimini.

Uno show di speranza dalle periferie umane
I ragazzi che hanno fatto questo scelta sono tutti molto giovani e si sono appassionati all’acrobatica, alla musica e alla danza dopo aver incontrato la comunità educativa e di recupero Koinonia, guidata da Padre Kizito, in missione in Africa con i fratelli comboniani da fine anni settanta. Da allora sono nate sei case di accoglienza che accolgono bambini e bambine di strada.

Il regista dello spettacolo Otello Cenci racconta la sua esperienza su meetingrimini.org: "La sfida che ci siamo dati è molto ambiziosa: allestire insieme uno spettacolo teatrale che racconti la loro storia documentando il titolo della prossima edizione del Meeting: Verso le periferie del mondo e dell’esistenza. Il destino non ha lasciato solo l’uomo.

Anche qui alle periferie di Nairobi, dove i bisogni piú urgenti sono quelli del cibo e della casa, è arrivato qualcuno che ha accettato di condividere non solo queste prime naturali necessità ma anche quelle fondamentali dell’istruzione, dell’affetto e del significato del vivere. Una gran bella avventura!"

Tags:
artemeeting di riminimeeting di rimini 2014
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni