Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Domenico Savio
home iconNews
line break icon

Ultimatum dell’ISIS agli Yazidi del sud Sinjar: convertitevi o preparatevi a morire

AFP

Aleteia - pubblicato il 14/08/14

Tra i destinatari, 4.000 famiglie nei villaggi di Hawju e al-Hatimiyah

Il drammatico ultimatum dell’ISIS
I terroristi dell’ISIS hanno dato a migliaia di residenti Yazidi che vivono in un’area a sud del distretto di Sinjar tempo fino a domenica per convertirsi all’islam o essere uccisi.

Un attivista Yazidi, Ali Sinjari, ha affermato in alcune dichiarazioni rilasciate a Shafaq News che i terroristi dell’ISIS hanno dato agli Yazidi dei due villaggi di Hawju e al-Hatimiyah (24 chilometri a sud di Sinjar) la scelta tra convertirsi all’islam o morire. Ha anche indicato che nei due villaggi vivono 4.000 famiglie.

Sinjari ha aggiunto che gli Yazidi hanno chiesto che i terroristi dell’ISIS lascino l’area, ma i terroristi hanno rifiutato con enfasi. Si è quindi chiesto urgentemente un intervento internazionale prima che tutti gli Yazidi vengano massacrati.

Migliaia di famiglie di Yazidi sono fuggite sulle montagne circostanti dopo che i terroristi dell’ISIS hanno ottenuto il controllo del distretto di Sinjar, che è la loro roccaforte storica. Centinaia di persone, per la maggior parte bambini, hanno sofferto sete e freddo su quelle montagne prima che i voli iracheni e americani riuscissero a fornire loro aiuti.

Per Sinjari, i terroristi dell’ISIS rappresentano la minaccia più significativa all’Iraq dalla caduta del regime di Saddam Hussein nel 2003 ad opera delle forze statunitensi, che hanno abbandonato l’Iraq alla fine del 2011.

Giovedì il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha autorizzato limitati attacchi aerei sull’Iraq per difendere i cristiani ed evitare il “genocidio” di decine di migliaia di Yazidi, nascosti sulle montagne per paura dei terroristi dell’ISIS.

Che cosa sta accadendo agli Yazidi?
Un fiume di naufraghi, stremati braccati dalle brigate del cosiddetto “Califfato” pieni di orrore e paura. Sono letteralmente senza niente, non hanno nulla, né soldi, né vestiti di ricambio, né cibo, né medicinali.

Circa 20 mila gli yazidi intrappolati da giorni sui monti di Sinjar, in Iraq, sotto la minaccia dei jihadisti dello Stato islamico, sono riusciti a varcare il confine con la Siria grazie agli attacchi aerei che hanno spezzato l’assedio.

Hanno abbandonato vecchi e gli infermi che non potevano camminare per una settimana a oltre 1.200 metri di quota senza alcuni rifugio. Messi in fuga dai jihadisti dell’Isis che stavano sequestrando le loro donne e fucilando gli uomini in massa dall’ultimatum: o la conversione all’islam o la morte.

500.000 gli yazidi nel mondo, la maggior parte vive nella piana di Ninive, in Iraq. 20.000 gli yazidi che sono riusciti a rifugiarsi in Kurdistan, 20.000 quelli che sono ancora intrappolati sul Monte Sinjar.

Quando hanno preso la città di Sinjar ne hanno fucilati a sangue freddo una sessantina di fronte alle loro famiglie, apposta per fomentare il errore. Un altro numero di donne, potrebbero essere migliaia, pare sia stato preso prigioniero, probabilmente destinate a diventare “mogli” dei guerriglieri del Califfato.

La regione montagnosa del Sinjar, è una catena riocciosa ad oltre 1.000 metri e lunga 25 chilometri, su cui sorgono alcuni villaggi, alcuni dei quali disabitati, forniti di pochi pozzi d’acqua piovana.

I jihadisti hanno sterminato uomini, donne e bambini della minoranza religiosa degli yazidi.

Centinaia di loro sono stati uccisi e gettati nelle fosse comuni, in molti casi ancora vivi: è il governo di Baghdad ad accusare i jihadisti sunniti dell’Isis di crimini di guerra commessi nel Nord dell’Iraq.

In particolare i jihadisti fedeli ad Abu Bakr al-Baghdadi, autoproclamato Califfo dell’islam, avrebbero giustiziato almeno 500 yazidi dopo la presa di Sinjar. L’intento del “Califfo” è fare giustizia degli Yazidi che professano una fede derivata dallo “zoroastrismo” e non appartengono dunque alle religioni monoteistiche.

Cos’è lo Yazidismo
Una religione con oltre 4.000 anni di storia. I suoi aderenti vengono considerati sub-umani, eretici, “adoratori del diavolo” perché legati ariti e culti che precedono il monoteismo abramitico. L’attuale persecuzione da parte dell’Isis si fonderebbe su un errore di interpretazione del loro nome che non deriverebbe da Yazid ibn Muawija, l’odiato califfo della dinastia Umayyad. Come per le altre minorarenze religiose della regione, in particola modo drusi e alawiti, yazidi si nasce e non ci si può convertire al loro credo.

Gli yazidi adorano “un angelo decaduto”, in arabo “diavolo” (Shaytan), e ciò è valso loro l’appellativo di adoratori di Satana. Il dio è rappresentato come un pavone. Sono circoncisi e credono nella trasmigrazione delle anime.  

[Traduzione di Roberta Sciamplicotti, approfondimento a cura di Mirko Testa]

Tags:
estremismo islamicoiraqyazidi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
2
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Franciscan Mission of Legnano
Cerith Gardiner
Gustatevi la gioia di questi frati e suore francescani che ballan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni