Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconNews
line break icon

Dona gli organi ad 11 anni. La storia di Liang Yaoyi

© Public Domain

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 14/08/14

La Cina si inchina davanti al piccolo eroe

Una madre paralizzata dal dolore, sullo sfondo. Al centro una lettiga ferma in un corridoio d’ospedale. Attorno ad essa medici e infermieri si inchinano con profondo rispetto. Un gesto ripetuto per ben tre volte, un gesto che nella tradizione cinese – si chiama koutou – viene ripetuto ai funerali, in senso di profondo dolore e affetto per lo scomparso. E’ la foto che ha suscitato impressione in tutta la Repubblica Popolare Cinese e che ha fatto il giro del mondo. E’ l’immagine di una tragedia umana come tante altre, dove però il protagonista, un bambino di undici anni, è emerso come un gigante per la sua forza d’animo e la sua generosità, espressa fino a un istante prima di chiudere per sempre gli occhi (Corriere della Sera, 10 agosto).

Appena undici anni ma un profondo senso dell’altruismo. Per una volta è una storia positiva a fare il giro del web, la storia di Liang Yaoyi, uno bimbo cinese colpito un tumore al cervello inoperabile. Il piccolo sapeva cosa lo aspettava e ha pensato, di non rendere inutile tutta questa sofferenza, sua e della sua famiglia. Di qui la decisione, sua, personalissima e convinta, di donare i suoi organi. «Per salvare altre vite», ha detto lui stesso, quel bimbo che da grande sognava di fare proprio il medico chirurgo. Una decisione che ha scosso la Cina dove la cultura della donazione di organi non si è ancora affermata, la legge risale appena al 2010. Un esempio per una nazione di un miliardo e mezzo di persone, che si è commossa. A tutta ragione giacché otto ore più tardi, i suoi reni e il suo fegato erano già riusciti a salvare la vita di due persone (Caffeina, 13 agosto).

Tags:
cinadonazione organi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni