Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

La chiave del cuore? L’amore

Llave – it

© jenny downing / Flickr / CC

padre Carlos Padilla - Aleteia - pubblicato il 13/08/14

Quando veniamo respinti, nascondiamo il tesoro. Quando amiamo scopriamo tesori nascosti

Cosa significa vendere tutto? Significa essere disposti a cambiare vita per amore. Quando troviamo il tesoro di cui abbiamo bisogno, quando scopriamo il senso della nostra vita, vendiamo tutto.

Non è lo stesso tenere il tesoro avendo venduto prima tutto ciò che abbiamo che conservare tutto e inoltre comprare il tesoro con il denaro che ci avanza. Sarebbe un tesoro in più, ma in quel tesoro non ci sarebbe il mio cuore. Forse non vedrei il valore che ha tra tante altre cose.

In primo luogo devo spogliarmi delle mie cose, donare tutto ciò che sono, mettere la mia vita in gioco, scegliere. Devo svuotarmi e ricominciare. Bussare a porte, scavare senza vedere.

Devo svuotarmi con la speranza di sapere che nel più profondo c’è il mio tesoro. Devo rischiare vendendo tutto senza essere sicuro che il tesoro sia nascosto lì. Lasciando il porto sicuro, perché il tesoro è sempre in alto mare, nel profondo del campo, sulla cima della montagna, sulla via della vita quando abbiamo percorso lunghi tratti confidando nell’amore di Dio.

Nella ricerca troverò, anche se ora non vedo altro che i miei passi. Abbiamo la migliore mappa del tesoro, che è Cristo. Seguendo Lui lo troveremo, ricorrendo a Lui lo scopriremo.

È la mia parte, quei passi di cui Dio ha bisogno per poter agire. Egli pone nella mia anima un’intuizione di dov’è il mio tesoro. Ci sono cose che sogno, che intuisco, che so che mi mancano. Dio mette in me quel desiderio di cielo e di vita in pienezza. Io mi metto in cammino.

Ha detto San Giovanni Paolo II 25 anni fa sul Monte delle Beatitudini che la parola cammino è strettamente collegata all’idea di ricerca. È Dio che ci cerca, che ci viene incontro. Noi cerchiamo, Egli ci trova.

Posso vivere come prima, aspettando che il tesoro arrivi tra le mie mani, lamentandomi di ciò che mi manca nella vita, chiedendo a Dio che mi dia alla fine quello a cui anelo, quello che hanno altri e io desidero, la pace, l’allegria. Posso restare tranquillo senza mettermi in marcia, aspettando che plachi la mia sete d’amore.

Oppure posso uscire da me stesso, mettere la mia vita, la mia anima, come pegno. Vale sempre la pena. Gesù ha promesso il tesoro a ciascuno. Lo troverò nella mia anima, in quella di chi amo, nascosto nella mia vita.

Quando l’avrò saprò che tutto ciò che ho venduto è stato poco paragonato a ciò che ho. È facile allora lasciare la nostra vita precedente per iniziare un nuovo cammino. Rinunciamo e vale la pena.

La trasformazione è anche ciò che Maria realizza in noi quando ci offriamo a Lei, vendiamo tutto e la lasciamo arrivare al cuore.

Maria rispetta i nostri tempi e ci fa credere nel tesoro che portiamo nascosto, nel dono che Dio ci ha dato. In quella missione unica che vuole che rendiamo realtà con la nostra vita.

Ella crede in tutto ciò che valiamo. Sa che siamo una pietra preziosa. Non si dimentica di noi, perché anche se molti ci dimenticano, lei non lo fa. Grazie al suo amore scopriamo il tesoro che è dentro di noi e crediamo in tutto ciò che possiamo diventare.

Come ha detto San Giovanni Paolo II nella GMG del 1989 a Santiago de Compostela, in questo modo troveremo il nostro essere autentico, che non è garantito dal fatto di possedere, e scopriremo l’esperienza interiore di aver ricevuto un grande dono.

Maria ci aiuta a scoprire questo dono. Ci educa, modella il nostro campo, ci aiuta a conoscerci e a voler essere migliori.

Siamo chiamati a portare un tesoro in vasi di creta. Una persona commentava: «Mi colpisce sempre come malgrado la mia trascuratezza o la mia pigrizia sperimento il dono di sentirmi strumento. Maria mi dà la forza, mi trasforma e mi usa nonostante tutto. Anche se io non la cerco o non sono capace di volgere lo sguardo a Lei».

È vero. Portiamo il tesoro trovato nella fragilità della nostra umanità. Così gli altri possono palpare nella nostra debolezza la forza di Dio, il suo potere, la sua ricchezza. Non siamo noi a brillare, è Lui a brillare in noi. E quando dimentichiamo questa verità, finiamo per credere che siamo noi a brillare.

Siamo il calice che porta il sangue di Cristo. Il Tabernacolo che nasconde la cosa più sacra. Siamo l’apparenza umana che nasconde un dono prezioso. Siamo il campo che molti calpestano mentre solo qualcuno si sofferma a scavare per vedere cosa c’è nascosto.

Sì. Siamo un tesoro perché Cristo è il nostro tesoro. Abbiamo la cosa più preziosa da donare. Siamo preziosi perché Dio ci ama tanto. Questa fede ci dà la forza per il cammino.

Sapere inoltre che il tesoro del Regno è sepolto nel campo ci fa guardare con ammirazione e rispetto tutti i campi. È Cristo che mi parla in quella persona che incontro. Vedere così la vita è un miracolo.

Portiamo un tesoro nascosto nel nostro campo, nell’apparenza della debolezza. Guardiamo con rispetto tutti i campi, perché in essi c’è ciò che è più prezioso, Dio stesso.

Il tesoro del nostro cuore emerge quando amiamo. Solo così scopriamo tesori nascosti. Diceva padre Joseph Kentenich: «Se vuoi essere amato, ama. Ama a mani piene, donati a mani piene. Perché se non lo fai così, come farai ad attirare l’amore degli altri verso di te? Esigere amore è una cosa che chiunque può fare. Tu, invece, gettati in acqua! Se vuoi essere amato, devi amare».

Quando ci lanciamo ad amare vinciamo barriere, spezziamo le paure, liberiamo ciò che è nascosto. Solo chi sa di essere amato si libera, si rilassa e lascia che si veda il tesoro che porta dentro.

Il nostro tesoro, ciò che c’è di più prezioso del nostro cuore, ciò che è più nascosto nell’oceano della nostra anima, lo doniamo solo quando l’amore apre la porta della nostra vita.

Quando veniamo respinti nascondiamo il tesoro. Quando siamo amati vinciamo le paure e lasciamo entrare chi ci ama. In quel clima di ammirazione e rispetto diamo ciò che abbiamo, traiamo il meglio, creiamo le migliori opere d’arte, pensiamo le parole migliori, scriviamo i sogni immaginati meglio.

L’amore è la chiave del cuore. La chiave del tesoro nascosto.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
amorespiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni