Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconNews
line break icon

Corea, il cristianesimo del Terzo Millennio

© Public Domain

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 12/08/14

Cosa aspetta Papa Francesco nel suo viaggio verso l'estremo oriente?

di Giorgio Bernardelli

Cinque giorni nella Corea del Sud per parlare a tutta l’Asia, definita da Giovanni Paolo II il continente del Terzo millennio. Cinque giorni nel Paese dove il cristianesimo cresce con numeri da record, attraendo persino le rock-star locali. Ma cinque giorni anche all’insegna di un modello impegnativo come quello rappresentato da un gruppo di laici che – poco più di due secoli fa, qui – hanno testimoniato la propria fede fino al martirio e verranno proclamati beati.

Si possono riassumere così i tratti del terzo viaggio internazionale di Papa Francesco, che comincia domani. Si tratta di un ritorno importante per la geopolitica della Chiesa cattolica: è dall’ultimo viaggio di Giovanni Paolo in India – nel 1999 – che un Papa non mette piede a queste latitudini. E per di più Bergoglio ha anche già annunciato che tra pochi mesi ritornerà in Oriente per un nuovo viaggio apostolico che nel gennaio 2015 lo porterà nello Sri Lanka e nelle Filippine. In questi giorni in Corea del Sud, inoltre, Papa Francesco incontrerà non solo i cattolici coreani ma anche migliaia di giovani provenienti da tutto il Continente, riuniti a Daejeon per la sesta Giornata della gioventù asiatica.

È dunque una scommessa sul futuro del cattolicesimo in un continente dove i cristiani restano ancora un gregge estremamente piccolo (appena il 3% della popolazione complessiva) a portare il Papa in Asia. Scommessa sul fatto che il Vangelo di Gesù possa avere qualcosa di estremamente significativo da dire in una regione del mondo divenuta negli ultimi anni un crocevia importante della globalizzazione, ma anche molto impoveritasi nel suo patrimonio spirituale. Che non sia un’illusione è proprio la storia recente della Corea del Sud a dirlo, con il cristianesimo divenuto nel giro di pochi decenni un fenomeno di massa: oggi a Seul i cristiani sono il 30% della popolazione quando cinquant’anni fa erano appena il 2%; i cattolici da soli sono 5,5 milioni i cattolici, più o meno l’11% degli abitanti, e con i battesimi in continua crescita.

A Seul Papa Francesco non va però semplicemente a raccogliere i frutti di questa primavera straordinaria. Al centro del viaggio che lo vedrà in Corea fino a lunedì ha posto, infatti, proprio il tema del martirio: ai giovani di tutta l’Asia proporrà infatti come attuale l’esempio di Paolo Yun Ji-chung e dei suoi 123 compagni, che alla fine del Settecento pagarono con la vita la loro fedeltà al Vangelo. Testimonianza in questi giorni viva non solo in contesti geograficamente lontani dalla Corea come quelli del Medio Oriente: lo stesso martirio è tuttora realtà quotidiana anche a nord del 38° parallelo, in quella Pyongyang tuttora in cima alle classifiche sulla persecuzione dei cristiani. Senza dimenticare la Cina, dove tuttora ci sono città che vedono le croci venire strappate dalle chiese.

Il viaggio di questi giorni sarà anche l’incontro del Papa con l’Asia delle grandi metropoli: dei 50 milioni di abitanti della Corea del Sud la metà vive nell’immensa area metropolitana di Seul. Un contesto fatto non solo di quartieri “Gangman Style”, ma anche di periferie esistenziali, come ama definirle Papa Francesco. Per questo estremamente significativa sarà la visita che il Papa compirà sabato a Kottongnae, la cittadella della carità nella diocesi di Cheongju. Nacque nel 1976 per iniziativa di un sacerdote, padre John Oh, che proprio guardando un mendicante che si prendeva cura di chi era povero come lui ha avuto l’intuizione di far nascere una congregazione locale a servizio degli ultimi. Così oggi Kottongnae è un luogo capace di ospitare fino a cinquemila tra senza fissa dimora, disabili e alcolisti; quelli che una società dove l’efficienza è una specie di ossessione fino a non molto tempo fa faceva fatica persino a nominare in pubblico.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
corea del sudevangelizzazionepapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni