Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Simona Atzori: la mia vita è un vero capolavoro

© Public Domain
Condividi

Nata senza braccia, la giovane artista milanese è ballerina, scrittrice e pittrice di grande talento

Simona Atzori, 40 anni, è una donna dallo sguardo luminoso che sprizza femminilità nella danza e nei quadri che dipinge e nutre un amore sconfinato per la vita. Nata senza braccia, fin da piccolissima ha dovuto imparare a fare tutto con i piedi: cogliere i fiori, cucinare, guidare, truccarsi, pettinarsi.

“Per me ogni compleanno significa festeggiare la vita che è stata scelta per me immergendomi completamente nell’amore e nel dono di viverla ogni giorno – ha detto alla rivista “Credere” (3 agosto) –. La vita, così come l’amore, si sceglie proprio quando non è più così scontato averlo”.

“Ringrazio il Signore non per la vita in generale, ma per avermi disegnata esattamente così. Il mio grazie quotidiano è cercare di rendere questa mia vita un Capolavoro, come Lui ha voluto che fosse”, aveva scritto nel 2011 nell’autobiografia Cosa ti manca per essere felice? (Mondadori). A settembre pubblicherà con lo stesso editore il volume Dopo di te, in cui ripercorre il rapporto con sua madre.

“Sono stata accolta da una famiglia straordinaria – ha ricordato –, che mi ha inculcato come il fatto di non avere le braccia fosse anche una opportunità: la diversità è l’unica cosa che ci accomuna tutti. Mi aggrappo a quello che ho: prima di tutto al credere fortemente che la vita sia un valore grande, e non sono solo parole. Spesso non ci rendiamo conto di quanto abbiamo, dalla natura a un sorriso. Bisogna tornare ai valori autentici, all’essenza”.

Per questo incoraggia a “non chiedere, ma a ringraziare: io lo faccio attraverso la danza, la pittura, gli incontri, la scrittura. Mi esprimo così e dico grazie per la vita, per come mi è stata data: il Signore mi ha disegnata in questo modo; non mi chiedo perché non mi ha dato le braccia, ma sono felice per tutto quello che mi ha dato”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.