Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

I cinque ingredienti che non devono mancare nel matrimonio

© mast3r/SHUTTERSTOCK
Condividi

Un matrimonio è come una ricetta di alta cucina: non devono mancare gli ingredienti migliori

Il matrimonio ha molto a che vedere con l’arte di cucinare. Si selezionano gli ingredienti migliori, si preparano con cura e si realizza un processo di cottura. Poi si assaggia e si provano modifiche perché il piatto sia più buono. Così dev’essere il matrimonio, un processo in permanente costruzione per ottenere uno stupendo risultato, dando sempre il meglio di sé. E questi sono i cinque ingredienti che non devono mancare:

1. Il buonumore
Anche se è importante condurre una vita ordinata e con una certa struttura, è altresì fondamentale essere flessibili di fronte alle circostanze sfavorevoli che fanno parte della naturalità della vita. Un sorriso in un ambiente teso può dissipare l’ostilità e cambiare la direzione di una situazione che sicuramente non avrebbe avuto un buon esito.
Francisco M. González, in un articolo pubblicato da The Family Watch, annota: “Quante amare discussioni di coppia si eviterebbero se di fronte a un malinteso, un’idea sbagliata, l’errore inevitabile o lo sbaglio abituale anziché la ‘scintilla incendiaria’ saltasse fuori la risata o il sorriso franco e naturale! In fondo, credo che l’ottimismo e il buonumore nel matrimonio indichino anche maturità, immaginazione e non prendere troppo sul serio ciò che non ha tanta importanza”

2. La creatività
Non deve stupire che le attività della vita quotidiana mettano da parte gli spazi che i coniugi sono chiamati a condividere… Grande errore! Per questo diventa un compito pressante cercare alternative che spezzino la monotonia e invitino al ricongiungimento della coppia.

3. La comunicazione
Si dice che la maggior parte delle crisi matrimoniali abbiano la stessa origine: la mancanza di comunicazione. Non c’è nulla che una buona conversazione non possa risolvere. Il dialogo è un elemento fondamentale di ogni relazione umana, e in particolare di quella coniugale.
Gli sposi devono adottare la comunicazione come propria alleata e compagna, e arrivare così a conoscere il coniuge in modo tanto profondo da far sì che questa conoscenza possa evitare situazioni che provochino dispiacere. Una coppia che comunica è una coppia che si riconosce, che identifica le forze e le debolezze dell’altro e sa trovare un sostegno nei momenti di difficoltà. La comunicazione genera legami di fiducia e intimità che rafforzano la relazione. Un dialogo sincero, sereno, amorevole e rispettoso fa meraviglie, e in certi casi può aiutare più di qualsiasi terapia.

4. Il rispetto
Una relazione di rispetto è una relazione fedele, sincera, amorevole. L’autrice Sheila Morataya Fleishman afferma al riguardo: “Ricordi la prima volta che avete litigato e hai preferito rimanere in silenzio? O almeno non hai alzato la voce? Lo hai fatto per rispetto, vero? (…) L’atteggiamento ‘rispetto’ nei confronti di ciò che è il coniuge è, decide, fa e pensa è fondamentale perché la relazione di coppia non soffra ferite che con gli anni, se non curate, possono diventare vere e proprie piaghe che non riusciranno mai a chiudersi. Il famoso filosofo Dietrich Von Hildebrand definiva il rispetto `la madre di tutte le virtù´, e insisteva sul fatto che il rispetto è la chiave per una vita felice e ovviamente per un matrimonio felice”.

Le mancanze di rispetto rovinano l’amore e impediscono lo sviluppo umano; eliminare queste condotte negative diventa una delle ricerche incessanti del matrimonio.

5. La fiducia
Tutto ciò che si basa sulla fiducia ha un successo quasi certo. Avere fiducia nel coniuge, ovvero confidare nel suo amore, nelle sue capacità, nelle sue promesse… è un atto che fornisce solidità alla relazione. Riporre nell’altro la fiducia è un atto d’amore; anzi, il matrimonio in sé è una dimostrazione meravigliosa di fiducia. Si dona all’altro il meglio di sé per formare una cosa sola.

Non dimentichiamo questi cinque ingredienti. Sono a disposizione degli sposi per servirli, aiutarli e rafforzarli.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.