Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
Beata Vergine Maria Consolatrice
home iconChiesa
line break icon

Come devono operare gli ordini religiosi per non sprecare il denaro dei poveri?

© DR

Ary Waldir Ramos Díaz - Aleteia - pubblicato il 11/08/14

Papa Francesco esorta le congregazioni religiose a una sana gestione dei beni, oltre che ad essere trasparenti e a vigilare sul denaro destinato alla carità

Il Vaticano ha pubblicato questa settimana i principi per l’amministrazione delle risorse al servizio della carità. In questo senso, gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica hanno ricevuto una lettera circolare con le indicazioni di papa Francesco sulle “Linee orientative per la gestione dei beni”.

Il documento, che esorta a usare il campo dell’economia come strumento di azione missionaria, porta la firma del cardinale João Braz de Aviz, prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata, e dell’arcivescovo José Rodríguez Carballo, segretario del dicastero.

A pochi passi dalla basilica di San Pietro e per un paio di euro si può toccare con mano il documento di orientamento che consiglia ai consacrati di collaborare con tecnici e laici professionisti in economia, fiscalità e diritto.

La lettera circolare è stata pubblicata dalla Libreria Editrice Vaticana ed è il documento di preparazione della celebrazione dell’Anno della Vita Consacrata, che inizierà il 30 novembre prossimo e durerà fino al 2 febbraio 2016.

“A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più” (Lc 12,48)

Una fonte vaticana ha rivelato che si tratta di un documento essenziale per tutte le comunità e riflette le nuove disposizioni di papa Francesco in materia economica. Tre i punti principali: la gestione dei beni, la collaborazione con la Chiesa locale e la formazione.

Questi i punti principali delle disposizioni del pontefice:

La gestione dei beni
Si chiede fedeltà al carisma, ma allo stesso tempo di perseguire un obiettivo comune basato sulla carità evangelica. Si parla di organizzare le opere in base alla priorità, di fare una pianificazione, stabilire il budget, controllare la gestione, ideare piani pluriennali, considerare la sostenibilità, realizzare strutture facili da gestire.

La collaborazione con la Chiesa locale
Come punto importante delle nuove disposizioni, si sottolinea il dialogo tra la Chiesa locale, gli istituti e i consulenti in situazioni molto concrete: chiudere case o opere, alienare immobili, mantenere una presenza religiosa armoniosa con le necessità della città e della diocesi.

Una novità importante è che il documento afferma che è quasi impossibile prescindere dalla collaborazione con tecnici, laici e membri di altri Istituti. Ciò rafforza l’esigenza di rendere la Chiesa non solo di sacerdoti e consacrati, ma di laici e laiche preparati e pronti al servizio comune. Questo tocca aspetti più complicati, come risolvere problemi legali, economici, fiscali e di consulenza per spendere il denaro in modo efficace.

Formazione
Il documento sostiene anche una formazione economica per garantire opere missionarie innovatrici e “profetiche”. Affidare a una sola persona, ad esempio l’economo dell’istituzione, la responsabilità esclusiva “ha generato disinteresse nei confronti dell’economia all’interno delle comunità, favorendo una perdita di contatto con il costo della vita e le fatiche gestionali”. Allo stesso modo, si lamenta una mancanza di formazione degli economi in base alle nuove istanze.

Il dicastero vaticano conferma infine che gli orientamenti di papa Francesco servono per vivere evangelicamente la dimensione economica e promuovere la missione della Chiesa nel mondo.

“La Chiesa non è una ONG”, ha detto il papa a Rio de Janeiro. È tuttavia un’istituzione terrena che amministra ospedali, case di cura e donazioni, tra le altre risorse. Il suo servizio ai più bisognosi richiede efficacia e responsabilità. Era di questa opinione San Vincenzo de’ Paoli (1581-1660), santo della carità, che confermava che non c’è carità che valga senza una buona organizzazione.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
caritaordini religiosipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni