Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Approfondimenti

Salviamo i cristiani mediorientali. Se non ora, quando?

Paul Malo / Aleteia

Caitlin Bootsma - Aleteia - pubblicato il 09/08/14

“In Defense of Christians” si batte per aiutare i cristiani perseguitati

Se gli eventi recenti in Iraq hanno aumentato la consapevolezza delle sofferenze dei cristiani mediorientali, questa persecuzione non è certo nuova, ed è più diffusa di quanto pensano molti. Mentre i cristiani di tutto il mondo postano il segno del “nun” (la prima lettera di Nasara, un termine arabo per “cristiano”) sui loro profili Facebook e pregano per la pace, gli stessi cristiani mediorientali stanno agendo. Mentre i loro fratelli e le loro sorelle subiscono vari livelli di discriminazione e persecuzione, inclusa la morte, i cristiani della diaspora si stanno riunendo per chiedere cambiamenti politici a un livello nazionale unificato.

Il giornalista John Allen riferisce che in tutto il mondo in ogni anno dell’ultimo decennio sono stati uccisi 100.000 cristiani. “Ciò significa undici cristiani all’ora, ogni giorno, negli ultimi dieci anni”, spiega nel suo ultimo libro The Global War on Christians. La violenza contro i cristiani dura da un bel po’, ma finora ha ricevuto pochissima attenzione da parte dei media o della politica.

In occasione del National Catholic Prayer breakfast dell’aprile 2012, l’arcivescovo Francis Chullikatt ha chiesto un aiuto concreto per i cristiani mediorientali. Quando papa Benedetto XVI ha visitato il Libano, ha ribadito questa richiesta.

Se molti cristiani mediorientali che ora vivono negli Stati Uniti hanno aiutato i loro parenti o lavorano come comunità o denominazione per aumentare la consapevolezza sul problema, poco è stato fatto a livello nazionale per incoraggiare i politici americani a intraprendere le azioni dovute.

La cristiana armeno-egiziana nata in America Simone Rizkallah ha spiegato che i cristiani mediorientali che arrivano negli Stati Uniti spesso non sono consapevoli delle opportunità di influenzare la politica pubblica in una società democratica. “I cristiani mediorientali devono capire che qualcosa può cambiare”, ha dichiarato.

Andrew Doran, direttore esecutivo del gruppo non-profit “In Defense of Christians” (IDC), sottolinea che anche gli americani mediorientali di seconda e terza generazione hanno la possibilità di fare la differenza per la loro famiglia e i loro amici rimasti nella regione. Aumentare la consapevolezza che potrebbe portare a un cambiamento nella politica estera americana circa i cristiani mediorientali è l’obiettivo di un Summit che verrà convocato dall’IDC a Washington, D.C., a settembre.

Il Summit riunirà cristiani mediorientali di varie tradizioni di fede di tutti gli Stati Uniti, aumenterà la consapevolezza sulla terribile situazione dei cristiani in Medio Oriente e permetterà ai partecipanti di incontrare membri della Camera dei Rappresentanti e del Senato degli Stati Uniti.

La difesa della libertà religiosa è la prima priorità dell’IDC. Quando gli Stati Uniti inviano aiuti alle Nazioni mediorientali, è raro che questi siano condizionati dall’assicurazione che la libertà religiosa verrà difesa.

Doran ha offerto un esempio raccontando che durante una visita recente ai cristiani assiri in Iraq c’era una “profonda frustrazione per il fatto che i militari statunitensi non avessero fatto nulla per proteggere una comunità indifesa che veniva presa di mira dagli estremisti, frustrazione per il fatto che il Governo statunitense non abbia fornito aiuti e abbia perfino deportato gli assiri che erano andati in America in cerca di asilo”.

Per Doran i cristiani mediorientali stanno mandando il messaggio “Meglio tardi che mai”.

Doran spera che con l’unità tra i cristiani arriverà una maggiore consapevolezza tra gli immigrati mediorientali e i cittadini statunitensi in generale: “Il popolo americano deve essere solidale con questi cristiani e chiedere che le politiche del Governo statunitense siano coerenti con i valori del suo popolo. Ciò significa preservare le comunità cristiane della regione”.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cristiani perseguitatiiraq
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni