Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconChiesa
line break icon

Quale preghiera posso recitare accanto ad un morente?

Mattias Karlsson / Flickr CC

padre Angelo Bellon, o.p. - Amici Domenicani - pubblicato il 08/08/14

Se si recita la corona della Divina misericordia, gli viene concessa la Misericordia infinita?

Quesito

Caro Padre Angelo,
la ringrazio sentitamente per il suo servizio, importantissimo per la nostra crescita spirituale; ringrazio il Signore per avermi dato l’opportunità di scoprirlo.
Il quesito riguarda il mio lavoro di psicologa nell’ambito delle cure palliative (Hospice).
Quotidianamente incontro persone molto gravi, in prossimità della morte; nelle condizioni in cui si trovano, per ovvi motivi, non posso esercitare  la mia professione nel senso "classico" del termine. Ho dovuto rivisitare completamente il mio modo di vivere il lavoro. Mi è capitato a volte di recitare una preghiera insieme all’ammalato e ho notato che questo gesto  procura molto sollievo, anche nei casi in cui le persone, quando erano ancora in grado di sostenere un colloquio, nel parlare di varie cose, si dichiaravano non praticanti, o non interessate alla preghiera; noto che recitare un’Ave Maria accanto ad un paziente soporoso ha un effetto benefico, è come se percepissi che l’altro necessita di questo alimento e ne richiede ancora.

Il mio quesito è il seguente:
– esiste una preghiera elettiva da recitare insieme  ad un ammalato prossimo alla morte?
– Gesù ha detto che recitando la corona della Divina misericordia accanto ad un morente viene a lui concessa la Misericordia infinita; questo avviene anche se la corona viene recitata quando la persona è già deceduta (nelle ore successive), oppure nelle ore che precedono il decesso, ma non in diretta presenza del morente (ad esempio a casa mia)?
– Inoltre mi chiedo sempre come pormi di fronte ai colleghi medici, infermieri, assistenti. Noto che c’è una grande chiusura su questi argomenti, il primario si fa addirittura scrupoli nel chiamare il Cappellano per l’estrema unzione.

Per ora il mio pregare con/per l’ammalato, è un fatto privato, tra me e l’ammalato. Pochi minuti fa sono andata in camera mortuaria per recitare alcune preghiere accanto ad una persona deceduta la scorsa notte; mentre ero accanto al letto sono entrate due infermiere sorprese nel vedermi lì in quel momento. Lì per lì non sapevo come motivare la mia presenza e ho detto un pò timidamente (del resto questo fa anche parte della mia personalità) che mi ero recata in quel luogo con l’intento di incontrare i parenti, poi quando ho visto una delle due che faceva il segno della croce ho detto che stavo dicendo una preghiera per la signora deceduta. Ora mi sta venendo in mente che avrei potuto invitarle a recitare insieme una preghiera. E’ un peccato non averlo fatto? Secondo lei sto peccando a mantenere questo come un fatto privato?

Ad una infermiera con cui sono entrata maggiormente in relazione rispetto agli altri ho regalato un piccolo libricino di preghiere accompagnando questo gesto con l’invito a recitare qualche preghiera insieme per i "nostri" ammalati. Sulle prime sembrava d’accordo poi di fatto questo non è mai avvenuto. Non so se ho reso l’idea del problema che mi attanaglia e per il quale sono tanto in pena, faccio tuttavia fatica a spiegarlo.

Mi scuso se mi sono dilungata e la saluto ringraziandola per il suo buon cuore.


Risposta del sacerdote

Carissima,
1. sono contento della tua sorpresa sul valore della preghiera accanto all’ammalato e soprattutto accanto al morente. Certamente la psicologia serve per conoscere meglio i pazienti e anche i loro parenti. Certamente serve anche per tante altre cose. Ma il valore della preghiera è insostituibile. Non si tratta infatti semplicemente di proferire qualche formula, ma di portare la presenza di Dio e della Madonna accanto a noi, anzi, dentro di noi.

2. Mi è capitato meno di una settimana fa di essere stato chiamato al capezzale di un morente. Da quattro giorni era sedato, non parlava più, non apriva gli occhi, non muoveva un arto. Era sera e mi avevano detto che non avrebbe passato la notte. Un parente venne a dirmi che gli avrei fatto piacere se fossi andato a dare una benedizione. Ebbene durante la benedizione (recitavo la benedizione di San Vincenzo Ferreri che non è proprio brevissima)  ha aperto gli occhi, cosa che non aveva più fatto da quattro giorni, per richiuderli subito dopo. Io non me ne sono accorto perché stavo leggendo la formula e il passo evangelico. Me l’hanno riferito subito i parenti, stupiti e meravigliati. Allora ho detto: “Recitiamo alcune preghiere”. Abbiamo detto un Padre nostro, un Ave Maria, un gloria al Padre e un Angelo di Dio.  Poi rivolgendomi al morente, gli ho detto: “Adesso le do il perdono dei peccati” e ho recitato la formula di assoluzione. Questa volta al termine dell’assoluzione il morente non solo ha aperto gli occhi per più di qualche qualche secondo, ma ha innalzato il braccio fino alla fronte per farsi il segno della croce. Puoi immaginarti lo stupore e la consolazione. Sembrava che non aspettasse altro. Questo significa che sentiva tutto, anche se era incapace di interloquire.

  • 1
  • 2
Tags:
coroncina divina misericordiadivina misericordiamortepreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni