Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconNews
line break icon

In Francia mostrare le persone Down in tv è “sconveniente”

© Public Domain

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 08/08/14

L'authority di sorveglianza del sistema audiovisivo critica un video in cui si mostra la gioia di vivere delle persone Down

“Sconveniente” perché “disturba la coscienza”. Così il garante del sistema audiovisivo francese (Csa) ha censurato il video “Dear Future Mom”, dedicato al riconoscimento e alla valorizzazione delle persone affette da trisomia 21, più nota come Sindrome di Down.

Il video è stato promosso il 20 marzo in occasione della Giornata mondiale della sindrome di Down da otto associazioni internazionali e dall'italiana Coordown, e inizia dicendo che una mamma che ha scoperto di aspettare un bambino affetto dalla sindrome di Down chiede come sarà il futuro di suo figlio.

Segue una carrellata di ragazzi e ragazze con trisomia 21 che rassicurano la mamma in questione spiegando tutto ciò che può fare una persona Down.

“Il video in Rete è diventato virale in poche ore. Ma in televisione, a quanto pare, è una questione a parte” (Tgcom24, 8 agosto). “L'Authority francese, dopo la segnalazione di alcuni di telespettatori, ha espresso parere negativo – e vincolante – sulla decisione di alcune reti nazionali che hanno deciso di mandare in onda il filmato”.

La motivazione della censura è che “non può essere guardato come messaggio di interesse generale perché indirizzandosi a una futura madre, la sua finalità può apparire ambigua e non suscitare un'adesione spontanea e consensuale”.

“Disturba”, quindi, “la coscienza delle donne che, nel rispetto della legge, hanno fatto altre scelte di vita personale”.

Per associazioni e politici, però, questo messaggio tra le righe incoraggia l'aborto terapeutico, e la questione è diventata un caso. Dopo la censura, l'authority francese ha provato a spiegarsi, “ma la toppa è peggio del buco” (Tempi, 1° agosto).

In un comunicato, la Csa spiega che “il Consiglio non cessa di sostenere tutte le iniziative di lotta contro la stigmatizzazione delle persone handicappate e in favore del loro inserimento nella società. Di conseguenza, incoraggia l’insieme dei media a fornire un’immagine profondamente rispettosa della loro vita personale e sociale”.

Non solo: “il Consiglio non ha mai voluto interferire con la diffusione [dello spot] in televisione. In effetti, constata che il messaggio presenta un punto di vista positivo sulla vita dei giovani trisonomici e incoraggia la società ad aprire al loro inserimento”.

Non si tratterebbe, però, di una retromarcia, perché poi il Csa aggiunge, svelando il vero motivo del suo “rimprovero” originario: “Allo stesso tempo, il Consiglio ha osservato che questo messaggio era suscettibile di causare problemi alla coscienza delle donne che, nel rispetto della legge, hanno fatto scelte di vita differenti. Di conseguenza, l’inserzione dello spot nello spazio pubblicitario è inappropriato”.

“Insomma, dopo un mare di belle parole sui poveri bambini Down che non devono essere discriminati, l’autorità francese afferma che uno spot che ha come scopo di 'mostrare che è possibile essere orgogliosi delle persone con trisomia 21 e che queste possono inserirsi nella società e riuscire nella vita malgrado le difficoltà' non deve essere trasmesso in pubblico per non offendere quelle donne che hanno deciso di abortirli”.

Davanti a questo comunicato, non ci si può stupire se, ha sottolineato la Fondazione Jerôme Lejeune, “la Francia è il Paese leader nell’eliminazione dei bambini con trisomia 21 prima della loro nascita (96%)”.

Tags:
sindrome di down
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni