Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconNews
line break icon

Fecondazione, è già battaglia sul decreto Lorenzin

Italian Embassy / Flickr CC

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 06/08/14

Domani il Consiglio dei ministri vara il provvedimento nel caos normativo

Il decreto del ministero della Salute che darà il via libera alla fecondazione eterologa in Italia – come sentenziato dalla Cassazione che ha cancellato il divieto introdotto dalla legge 40 – verrà presentato domani al Consiglio dei ministri. E già si annuncia battaglia.

NON SI SCEGLIE IL COLORE DELLA PELLE
Non sarà prevista, infatti, la possibilità di scegliere, o comunque di garantire da parte del centro, la compatibilità del colore di pelle e occhi del nascituro con quello della coppia ricevente i gameti donati, spiega il ministro della salute Beatrice Lorenzin. «Assolutamente no. Questo elemento non ci sarà. Se vuole farlo, lo introduca il Parlamento. Questa, a casa mia si chiama discriminazione razziale», ha sentenziato Lorenzin. (Libero, 5 agosto)

UNA POSSIBILITA’ DIFFUSA ALL’ESTERO
A livello internazionale, fa notare il Corriere della Sera (6 agosto), questa possibilità esiste e qualche ricorso poi potrebbe partire perché anche le linee guida presentate al ministero dagli esperti delle società scientifiche di procreazione assistita sono chiare al riguardo. In sintesi, «non è possibile scegliere le caratteristiche del donatore» ma «il centro deve garantire compatibilità di colore della pelle, gruppo sanguigno e colore di capelli e occhi per la coppia che riceve».

ANONIMATO RINVIATO
Un altro dei nodi che il ministro ha dribblato, rinviandolo al Parlamento, è relativo all’anonimato del donatore. Nelle linee guide del decreto non se ne farà cenano, ma il dibattito è già infuocato. «in Rete ci sono siti e blog che raccontano che cosa ha significato per i nati dalla procreazione assistita potere-o non potere-conoscere la propria origine, e quanto una rivelazione reticente o tardiva influenzi la psiche e la relazione con i genitori affettivi», scrive Europa Quotidiano (5 agosto).

RESTA IL VUOTO LEGISLATIVO
Perplessità sull’anonimato condivise anche agli esperti contattati da Aleteia (31 luglio). Il professore Alberto Gambino, docente dell’Università Europea di Roma, sosteneva al nostro giornale che è necessario un intervento legislativo ad hoc per dirimere la questione della conoscenza del genitore biologico. Nel vuoto normativo, il ministro, anche in questo caso ha scelto la strada più comodo: la corsa contro il tempo, rinviando i nodi più intricati alle aule parlamentari.

LA MARATONA DEL MINISTRO
Non a caso Lorenzin ha detto, senza mezze misure, che i tempi per il via libera pratico alla fecondazione sono strettissimi: «In meno di un mese e mezzo sarà possibile fare la fecondazione eterologa su tutto il territorio nazionale negli ospedali pubblici con il ticket, come avviene già per l’omologa». (Repubblica, 6 agosto).

UN TERRENO MINATO
Intanto la complessità della questione fecondazione è testimoniata da due gravissimi episodi che danno l’idea di come la maratona del ministro sia poco prudente su un vero e proprio terreno minato. Basti pensare alla guerra legale tra le due coppie che hanno subito lo scambio di embrioni avvenuto all’ospedale Pertini di Roma. I due gemelli nasceranno tra pochi giorni, sommersi dalle polemiche. I genitori biologici ne rivendicano la paternità e la maternità. Quelli che hanno proceduto con la fecondazione tentano di dimostrare che il dna, in nove mesi di gravidanza, è ormai modificato (La Stampa, 6 agosto).

L’INDAGINE SU ANTINORI
Per non parlare dei risultati dell’ispezione dei Nas alla clinica Matris di Milano, dove opera il ginecologo Severino Antinori, guru della fecondazione eterologa in Italia. Secondo La Stampa i Nas avrebbero trovato ovociti e liquido seminale di provenienza ignota e sprovvisti di documentazione sanitaria attestante l’esito negativo di test anti Hiv, epatite e sifilide, oltre che quelli genetici per scongiurare la trasmissione di altri gravi malattie. E ancora gameti e ovociti, sempre di provenienza ignota e senza documentazione sanitaria, utilizzati per nove fecondazioni eterologhe eseguite tra giugno e luglio presso la clinica. Il procedimento penale contro Antinori è in corso.  

Tags:
fecondazione assistita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni