Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconNews
line break icon

Se il figlio diventa un diritto

AFP PHOTO / Nicolas ASFOURI

THAILAND, Siriracha : Thai surrogate mother Pattaramon Chanbua (L) holds her baby Gammy, born with Down Syndrome, at the Samitivej hospital, Sriracha district in Chonburi province on August 4, 2014. The surrogate mother of a baby reportedly abandoned by his Australian parents in Thailand because he has Down Syndrome was a "saint" and "absolute hero", Australian Immigration Minister Scott Morrison said. AFP PHOTO / Nicolas ASFOURI

Lucetta Scaraffia - L'Osservatore Romano - pubblicato il 05/08/14

La vicenda del bimbo thailandese

Se si ammette che esista un “diritto al figlio” – di recente introdotto anche in Italia – non possiamo poi stupirci se i genitori che hanno “ordinato” un figlio, affittando l’utero di una donna, lo rifiutino se alla nascita non è sano e perfetto. Infatti, se il figlio diventa un prodotto da acquistare, è ovvio che, come ogni acquisto, deve essere di gradimento della coppia compratrice.

È un po’ strano, quindi, che sui giornali e nel web tutti — anche i sostenitori dell’utero in affitto e dell’inseminazione eterologa — si dichiarino indignati perché una coppia australiana che aveva affittato per undicimila euro l’utero di una povera donna thailandese, Pattaraman Chanbua, già madre di due figli, ha rifiutato uno dei due gemelli nati da questa gravidanza perché si è rivelato essere down, cioè “imperfetto”.

La ricostruzione della vicenda fa capire che qualcosa si era inceppato nello spietato meccanismo di compravendita: la gestante aveva saputo già durante la gravidanza che uno dei due gemellini che portava nell’utero era down ma, nonostante le insistenze dei genitori paganti, si era rifiutata di abortirlo, fedele ai precetti della sua religione, il buddismo. Per lei Gammy — così l’ha chiamato, considerandolo il suo terzo figlio — non era solo un prodotto da consegnare all’acquirente.

Ora tutti si indignano — o fanno mostra di indignarsi — perché il piccolo down è malato e bisognoso di cure costose, che la madre gestante non è in grado di pagare. In realtà, c’è poco da indignarsi: se si accetta la logica del figlio come prodotto, questa è l’ovvia conseguenza. Non si tratta di un caso isolato, infatti.

Tempo fa a Milano dei genitori fecero causa a un ospedale perché la donna, gravida di due gemelli, aveva deciso di abortire quello dei due che era malato, ma nel corso dell’operazione invece era stato eliminato quello sano. Negli Stati Uniti una madre surrogata, cioè che vendeva l’utero, avrebbe dovuto essere sottoposta ad aborto perché il figlio era down, ma si rifiutò di farlo, preferendo tenersi il bambino. E ci sono coppie che affittano l’utero le quali chiedono alla gravida di interrompere la gravidanza perché nel corso di quei mesi si sono lasciati, o hanno cambiato idea. Come se si trattasse di disdire le vacanze al mare o un viaggio.

C’è chi invoca leggi severe in ogni Paese per prevenire questi abbandoni, ma sono leggi che non hanno alcuna possibilità di essere rispettate se si continua a considerare il figlio un prodotto in vendita, se prima non si interviene a condannare lo sfruttamento delle donne presupposto, che è una nuova schiavitù.

Altri addirittura si augurano che l’affitto dell’utero venga permesso — e regolamentato — nei Paesi ricchi dove vivono le coppie sterili, pensando che così ogni “sbaglio” sarebbe evitato, come se bastasse una legge a cambiare il senso profondo di questa pratica e a renderla legittima e innocua. Come se la regolamentazione potesse cancellare che da una parte c’è lo sfruttamento di donne povere, in stato di grave debolezza, dall’altra l’idea che un figlio si possa comprare, come un’automobile, una casa, e quindi dare indietro se non piace più. Almeno il ministro australiano per l’emigrazione, Scott Morrison, ha dichiarato che questa situazione apre problemi gravi e non facili da risolvere.

In questo caso la cultura dello scarto s’intreccia con quella della mercantilizzazione di tutto, anche della vita e del corpo umano, creando una miscela esplosiva. Speriamo che la storia di Gammy susciti non solo indignazione superficiale e passeggera, come il tempo di una colletta in rete per l’intervento al cuore del piccolo abbandonato. Senza riflettere sui meccanismi pericolosi che questa vicenda ha messo in luce.

Qui l'originale

Tags:
utero in affitto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni