Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconChiesa
line break icon

La liturgia è più di un testo

Kent G Becker

mons. Charles Pope - pubblicato il 05/08/14

Forse è ora di riscoprire una comprensione più ampia della liturgia sacra

Uno dei maggiori cambiamenti liturgici negli ultimi 60 anni è avvenuto nell’area del linguaggio e della parola parlata. La quasi completa scomparsa del latino è da lamentare, ma l’utilizzo delle lingue volgari ha avuto senza dubbio molti effetti positivi. L’aumento dell’uso delle Scritture è stato notevole e di grande aiuto. Oltre a questo, è stata posta grande enfasi sulla predicazione e sul fatto di preparare il clero a predicare bene.

Grandi controversie e dibattiti hanno accompagnato questi cambiamenti. I primi dibattiti si concentravano sull’uso del latino contro la lingua vernacolare. Altri si centravano sulla natura dell’omelia (o doveva essere chiamata sermone?): la sua lunghezza, il suo contenuto, e se dovesse basarsi sulle letture delle Scritture o su temi catechetici. Quasi chiunque ha concordato che la predicazione cattolica era piuttosto povera. I dibattiti più recenti hanno affrontato una lotta ventennale nelle terre anglofone per arrivare a traduzioni autentiche dei testi latini promulgati. Tutta questa enfasi e il dibattito sui testi della liturgia può essere stato necessario e può aver avuto effetti positivi.

Questa concentrazione sui testi, tuttavia, ha teso a ridurre la liturgia solo ai suoi testi. Altre aree come la bellezza estetica o architettonica, la musica, l’ars celebrandi (il modo in cui il clero e i ministri si comportano nella liturgia) e una comprensione e un apprezzamento della liturgia più profondi hanno sofferto. In qualche misura, abbiamo ridotto la Messa alla proclamazione di un testo. A molti sembra importare poco se l’edificio è spaventoso, la musica povera o il significato della liturgia arcano. Basta assicurarsi che i sacerdoti e altri pronuncino bene il testo, che sia intelligibile, che l’acustica sia buona e che l’omelia “abbia senso”.

Forse aiuterebbe citare Uwe Michael Lang:

La liturgia sacra parla attraverso una varietà di “linguaggi” diversi dal linguaggio in senso stretto. [Sono] simboli non verbali capaci di creare una struttura di significati in cui gli individui si possono collegare l’uno all’altro. Sono convinto che queste espressioni non linguistiche o simboliche della liturgia siano più importanti del linguaggio stesso.

Sembrerebbe particolarmente pertinente nel mondo di oggi in cui le immagini sono onnipresenti: in televisione, sugli schermi del computer… Viviamo in una cultura delle immagini… Oggi l’immagine tende ad avere un’impressione più duratura sulla mente delle persone rispetto alla parola parlata.

Il potere dell’immagine è da lungo noto nella tradizione liturgica della Chiesa, che ha usato l’arte e l’architettura sacre come mezzo di espressione e comunicazione.

In epoche più recenti, però, si osserva una tendenza a vedere la liturgia solo come testo, e a limitare la partecipazione a ruoli di oratore. Questo si applica sicuramente a un’ampia corrente di studiosi di liturgia che si è concentrata sui testi liturgici contenuti in fonti scritte risalenti all’ultimo periodo dell’antichità e al primo Medioevo… Questo approccio è legittimo, almeno in larga misura, perché la pubblica adorazione della Chiesa è ordinata ai testi ufficiali che usa allo scopo.

Ad ogni modo, a volte si dimentica che la liturgia non è semplicemente una serie di testi da leggere, quanto piuttosto una serie di azioni sacre da eseguire… parole, musica e movimento,insieme ad altri elementi visivi, perfino olfattivi. (Cit. in Sacred Liturgy: The Proceedings of the International Conference on the Sacred Liturgy 2013, Ignatius Press, pp. 187-189.)

Lang continua affermando la preoccupazione per i testi (svilupparli, tradurli e dar loro riconoscimento) che ho indicato in precedenza.

  • 1
  • 2
Tags:
liturgia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni