Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Si può cantare il Padre Nostro a Messa?

© P.RAZZO/CIRIC
Condividi

Si possono improvvisare anche melodia e parole?

Il canto e la musica sono di importanza fondamentale in qualsiasi festa e celebrazione, e non meno nelle celebrazioni ecclesiali. Una celebrazione, soprattutto una celebrazione eucaristica, senza canto si potrebbe paragonare facilmente a una giornata piena di nebbia; è giorno, ma manca qualcosa perché sia pieno di luce e di colore, perché sia allegro. Il canto, e il canto liturgico, è sempre stato considerato, e non solo dalla Chiesa, come un tesoro di grande valore, e il canto – solo o accompagnato dalla musica – sarà tanto più santo quanto più sarà intimamente unito o ben integrato nell’azione liturgica.

Per questo motivo, i canti che si scelgono per l’Eucaristia devono essere i più idonei alla celebrazione, tenendo conto del momento della Messa e del ciclo liturgico, ovvero nella Messa e nelle altre azioni liturgiche ogni canto ha il suo senso e il suo posto. I canti, soprattutto nella Messa, non sono un semplice accessorio o un ornamento, perché la celebrazione sia piacevole, ma sono preghiera fatta musica, cioè pregare due volte come dice Sant’Agostino, che nel suo commento al Salmo 73 affermava: “Chi canta una lode non soltanto loda ma loda con letizia. Chi canta una lode, non soltanto canta ma ama colui che canta. Nella lode c’è la voce esultante di chi elogia, nel canto c’è l’affetto di colui che ama”.

Il canto liturgico serve quindi per esprimere ogni tipo di preghiera: di liberazione, di guarigione, di riconciliazione, di lode, di perdono e di richiesta. E i testi destinati al canto devono essere conformi alla dottrina cattolica, ovvero approvati dalla conferenza episcopale del Paese. Questa approvazione garantisce che i canti siano presi principalmente dalla Sacra Scrittura e dalle fonti liturgiche, perché si sono presentati abusi cantando nella Messa e soprattutto nei funerali canzoni romantiche.

Non si dovrebbe cantare qualsiasi canto in qualunque momento della Messa. Per questo, nessuno può cambiare la liturgia togliendole o aggiungendole qualcosa per iniziativa propria, anche se è lo stesso sacerdote celebrante a farlo. Il numero 25 del documento finale del Sinodo sull’Eucaristia del 2005 afferma: “Come tutte le espressioni artistiche anche il canto deve essere intimamente armonizzato con la liturgia, partecipare efficacemente al suo fine, ossia deve esprimere la fede, la preghiera, lo stupore, l’amore verso Gesù presente nell’Eucaristia”. È quindi importante evangelizzare per poter comprendere il senso di ogni momento e preparare così il canto.

Si raccomanda a sacerdoti e fedeli che prima di iniziare la celebrazione eucaristica si possano riunire per scegliere i canti più appropriati, per provare e/o imparare canti nuovi. È anche un’opportunità per creare un clima di preghiera nel passaggio dalla strada alla Messa. Ciò permette all’assemblea di partecipare in modo fruttuoso e di formare una vera comunità.

L’improvvisazione impoverisce la nostra possibilità di lodare il Signore, dando la sensazione che Dio e la Messa non siano importanti. Perché il canto e la musica abbiano nella celebrazione della comunità il posto che spetta loro, serve una buona partecipazione liturgica e musicale di chi compone il coro, e che questo sia sempre un servitore dell’assemblea, senza fare spettacolo togliendo al Signore e alla preghiera il loro protagonismo.

Il Padre Nostro cantato?

In primo luogo, è molto importante sottolineare che prima di recitare o cantare il Padre Nostro il sacerdote dice ai fedeli: “Obbedienti alla parola del Signore, e formati al suo divino insegnamento, OSIAMO dire”. Cosa si vuol dire con questo? Che questa preghiera (recitata o cantata) deve essere fatta con il massimo rispetto, decoro, solennità. Ci obbliga a rivedere in profondità la nostra situazione davanti a Dio e agli uomini. Per questo, dobbiamo farlo con grande devozione.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni