Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

Alla Gregoriana il primo Centro intitolato a San Pietro Favre

© La Gregoriana

Paolo Pegoraro - La Gregoriana - pubblicato il 01/08/14

La sua missione: preparare i formatori al sacerdozio e alla vita consacrata

Il Consiglio Direttivo dell’Università ha accolto la proposta del P. Jaime Emilio González Magaña, S.I. di mutare il nome del CIFS in Centro “San Pietro Favre” per i Formatori al Sacerdozio e alla Vita Consacrata. «Pietro Favre – ci spiega P. González Magaña – fu il primo compagno di Ignazio di Loyola ed è l’esempio più chiaro di un sacerdote che si lascia formare. Ignazio di Loyola si impegnò per ben quattro anni nell’accompagnamento diligente e ravvicinato del suo amico e compagno di stanza. Insieme, all’inizio del 1534, realizzarono gli Esercizi Spirituali nelle vicinanze di Saint Jacques (Parigi). Da allora, Favre penetrò come nessun altro nella conoscenza interna di questo metodo di conversazione tra il Creatore e la creatura, con un dono speciale nel condividere questa conoscenza con il prossimo».

Direttore del Centro dal 2005, P. González Magaña concluderà il suo mandato il 31 agosto prossimo; nuovo Direttore, a decorrere dal 1° settembre 2014, sarà P. Stanisław Morgalla, S.I. Abbiamo voluto incontrare P. González Magaña per tracciare un bilancio di questi anni di impegno al servizio del Centro.

Cosa rende san Pietro Favre “ispiratore” per la vostra missione?
«Il carisma di Favre, dà contenuto – sin dalle origini della Compagnia – alla nostra vocazione contemporanea di presenza nelle frontiere e come ponti di riconciliazione. È una vocazione alla cura e all’attenzione al Corpo della Compagnia di Gesù e della Chiesa; vocazione al dialogo e all’apertura incondizionata, alla disponibilità ubbidiente e piena di fiducia».

Da più parti si sottolinea la necessità di selezionare i candidati in ordine alla qualità, più che alla quantità.
«Sono innanzitutto i formatori che devono avere chiara questa situazione, altrimenti saranno loro stessi a cercare la quantità e non la santità dei candidati. Il rischio per i consacrati è di lasciarsi assorbire totalmente dall’azione pastorale in attesa di frutti che spesso scarseggiano o che non raggiungono i risultati sperati, generando non poche delusioni e frustrazioni. Si tralascia la cura della vita interiore con la conseguenza d’inevitabili indebolimenti e svuotamenti della vita consacrata, che così diventa superficiale».

Quali criteri deve tenere presente il formatore?
«La formazione al sacerdozio e alla vita consacrata è una missione che la Chiesa affida ad alcuni sacerdoti. Nessuno si autocandida per questo servizio gravoso, anzi: quando arriva la chiamata a svolgerlo, il formatore si vede coinvolto in una realtà nuova e più grande di lui, ma allo stesso tempo affascinante e complessa. Nell’insieme dei sentimenti che suscita una chiamata del genere, spicca subito la paura dell’inadeguatezza e la consapevolezza dei propri limiti. Altrettanto forte, però, scatta l’invito a fidarsi di Colui che chiama e della Chiesa che ti invia. Senza un’autentica e profonda vita spirituale sarà difficile e faticoso farci compagni di strada dei giovani candidati e coinvolgerli in un autentico cammino di sequela. Ecco perché la cura della vita spirituale è l’anima del ministero di ogni formatore».

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
compagnia di gesugesuitisant ignazio di loyola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni