Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Sceicco Karîma: “Ogni attacco a un cristiano è un attacco all’Islam”

© Fondazione Oasis
Condividi

La questione dei luoghi di culto rimane oggetto di un vivo dibattito in Egitto

«Mi sono occupato del fanatismo religioso e ho detto chiaramente: perché ci immischiamo nelle pratiche religiose dei cristiani? Un musulmano può costruire quando vuole una moschea nel mezzo di via Ramses al Cairo mentre un cristiano, se vuole riparare un bagno in una chiesa, deve chiedere l’autorizzazione al comune e alla prefettura. Questo è contro la giustizia islamica. Il principio di ogni religione è la giustizia.

I salafiti, che hanno un partito politico sotto l’egida dello stato, pubblicano delle fatwe per proibire ai musulmani di fare gli auguri o le condoglianze ai cristiani. Che diritto hanno di fare questo, quando il Corano dice nella sûra al-Mâ’ida, a proposito del Vangelo: «La Gente del Vangelo giudica in base alla rivelazione che Dio ha fatto scendere» (Cor. 5, 47)? Il Corano è una ripetizione ed un proseguimento del Vangelo. Se si offende il Vangelo si offende il Corano. Quando i salafiti dicono che i cristiani non possono accedere a impieghi pubblici, non si riferiscono ad alcun versetto, nessun versetto coranico fa riferimento a ciò. Un solo testo del profeta dice invece che il minbar della moschea del profeta è stato costruito da un cristiano. Ogni attacco a un cristiano è un attacco all’Islam. 

Anche la jizya non era un imposta islamica, era una tassa civile che era utilizzata solo in casi eccezionali. Non è uno dei pilastri dell’Islam (arkân al-Islâm). Bisogna cambiare tutta la società, noi proponiamo di abolire il ministero dei Waqf e di sostituirlo con un ministero degli affari religiosi. Non importa chi ne sia il ministro, ma ci devono essere tre delegati (wakîl), uno musulmano, uno cristiano e uno ebreo. Se si verifica un problema qualunque, non si deve più fare riferimento allo sheykh o al papa, ma allo Stato. Uno stato civile! Gli affari cristiani devono essere gestiti come quelli musulmani. L’imâm è pagato dallo Stato, perché il prete no? I cristiani pagano le tasse come i musulmani! Stesso discorso per gli ebrei. Bisogna vietare la creazione di partiti politici con un’ideologia religiosa».

(sintesi di Ines Peta)

Qui l’articolo originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni