Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 06 Marzo |
San Julián di Toledo
home iconChiesa
line break icon

Sceicco Karîma: “Ogni attacco a un cristiano è un attacco all’Islam”

© Fondazione Oasis

Fondazione Oasis - pubblicato il 31/07/14

La questione dei luoghi di culto rimane oggetto di un vivo dibattito in Egitto

«Mi sono occupato del fanatismo religioso e ho detto chiaramente: perché ci immischiamo nelle pratiche religiose dei cristiani? Un musulmano può costruire quando vuole una moschea nel mezzo di via Ramses al Cairo mentre un cristiano, se vuole riparare un bagno in una chiesa, deve chiedere l’autorizzazione al comune e alla prefettura. Questo è contro la giustizia islamica. Il principio di ogni religione è la giustizia.

I salafiti, che hanno un partito politico sotto l’egida dello stato, pubblicano delle fatwe per proibire ai musulmani di fare gli auguri o le condoglianze ai cristiani. Che diritto hanno di fare questo, quando il Corano dice nella sûra al-Mâ’ida, a proposito del Vangelo: «La Gente del Vangelo giudica in base alla rivelazione che Dio ha fatto scendere» (Cor. 5, 47)? Il Corano è una ripetizione ed un proseguimento del Vangelo. Se si offende il Vangelo si offende il Corano. Quando i salafiti dicono che i cristiani non possono accedere a impieghi pubblici, non si riferiscono ad alcun versetto, nessun versetto coranico fa riferimento a ciò. Un solo testo del profeta dice invece che il minbar della moschea del profeta è stato costruito da un cristiano. Ogni attacco a un cristiano è un attacco all’Islam. 

Anche la jizya non era un imposta islamica, era una tassa civile che era utilizzata solo in casi eccezionali. Non è uno dei pilastri dell’Islam (arkân al-Islâm). Bisogna cambiare tutta la società, noi proponiamo di abolire il ministero dei Waqf e di sostituirlo con un ministero degli affari religiosi. Non importa chi ne sia il ministro, ma ci devono essere tre delegati (wakîl), uno musulmano, uno cristiano e uno ebreo. Se si verifica un problema qualunque, non si deve più fare riferimento allo sheykh o al papa, ma allo Stato. Uno stato civile! Gli affari cristiani devono essere gestiti come quelli musulmani. L’imâm è pagato dallo Stato, perché il prete no? I cristiani pagano le tasse come i musulmani! Stesso discorso per gli ebrei. Bisogna vietare la creazione di partiti politici con un’ideologia religiosa».

(sintesi di Ines Peta)

Qui l’articolo originale

Tags:
egittoestremismo islamicoislam
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
5
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
Gelsomino Del Guercio
“Solo tu potevi capire Maria”. Lettera di Don Tonino Bello a San ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni