Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Quale tesoro persegui?

Public Domain
Condividi

A volte perseguiamo piccoli tesori che lasciano insoddisfatto il nostro anelito all'eternità

In un passo del Vangelo, Gesù utilizza due parabole per spiegare com’è il Regno di Dio sulla terra: «Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra».

Lo paragona a un tesoro nascosto, a una perla preziosa. Sappiamo che non è tutto oro ciò che luccica, ma il Regno di Dio è vero oro. Oggi ci piace dare un prezzo a tutte le cose. Diamo un prezzo ai beni, anche alle persone. Anche i calciatori hanno il proprio prezzo. Alcuni valgono poco, altri molto.

A volte il prezzo si dà in base non al valore di ciò che si vende, ma al potere d’acquisto di chi è disposto ad acquistarlo. Hai molto, puoi pagare molto. Se c’è molta offerta, il prezzo cala.

È difficile conoscere il valore reale delle cose. Diventa qualcosa di soggettivo, mutevole. Il famoso valore di mercato dà un prezzo alle cose, alla vita stessa.

In quest’epoca di crisi tutto vale molto e abbiamo poco da comprare, ma tutti cadiamo nel pericolo di cui ci parlava papa Francesco: “L’adorazione dell’antico vitello d’oro ha trovato una nuova e spietata immagine nel feticismo del denaro (…). Il denaro deve servire e non governare!”.

Siamo diventati consumisti, schiavi. Compriamo anche se non abbiamo bisogno. Desideriamo possedere e la pubblicità risveglia il desiderio di acquistare cose nuove. Non compriamo tesori. Perché un tesoro non si mette in vendita, si custodisce per sempre. Acquisiamo semplicemente cose che poi possiamo gettar via per comprarne di nuove. Compriamo quello che è utile e quello che non lo è.

A volte le persone valgono per i beni che possiedono. O valgono se ci sono utili e necessarie in un determinato momento.

A volte desideriamo acquisire qualcosa e diventiamo ossessionati. Siamo disposto a pagare molto, a indebitarci. Desideriamo una casa, un viaggio, un sogno che può diventare realtà. Perdiamo la ragione e il senso. E se non raggiungiamo ciò che vogliamo, ci disperiamo.

Sono tesori piccoli, minimi, non trascendenti. Tutti lasciano insoddisfatto il nostro anelito all’eternità. Gesù ci parla del Regno nascosto e trovato. Ciò che è più prezioso, quello per cui vale la pena di dare tutto, è il vero tesoro nella nostra vita. È la bellezza nascosta nel cuore. Il tesoro, il nostro tesoro. Cos’è che cerchiamo nella vita? Cosa perseguiamo, a cosa aneliamo?

Là dov’è il tuo tesoro è il tuo cuore. Scoprirlo e possederlo diventa la massima priorità della nostra vita. Anche se non sappiamo sempre dove cercare. Crediamo che il tesoro sia molto lontano da noi, ma è vicino. Lasciamo tutto per possederlo. Siamo capaci di rinunciare ad altre cose per il tesoro che abbiamo trovato. Desideriamo un tesoro che non è in vendita, che sembra irraggiungibile.

È il tesoro che troviamo quando non lo cerchiamo, o forse ci viene incontro nel mezzo della ricerca. È un tesoro che cambia la vita per sempre. Una pietra preziosa che vale la pena. Cosa può valere tanto perché valga la pena di vendere tutto per acquisirlo? È il Regno di Dio, è quell’amore di Dio che ci trasforma, nella sua presenza viva e piena di speranza.

Sì. Il tesoro nascosto è Cristo. Nella nostra vita si nasconde come un tesoro e a volte cerchiamo altri tesori senza valore. Forse ci manca lo sguardo che ha Dio per distinguere ciò che realmente vale la pena.

Bisogna riposare di più nel cuore di Dio per non vivere perduti. Ancorati alla terra e allo stesso tempo al cielo. Vogliamo vivere tra gli uomini e riposare nel cuore di Dio. Conoscere le turbolenze della vita, i conflitti, le ingiustizie, il dolore e la mancanza di pace e abbracciare la speranza di una vita piena.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni