Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconNews
line break icon

Le lacrime del portavoce ONU che hanno fatto il giro del mondo

Aleteia - pubblicato il 31/07/14

Quando il sentimento umano di giustizia e di pace è più forte di guerra, istituzioni e diplomazia

"I diritti dei palestinesi, e anche dei loro bambini, sono completamente negati. E questo è atroce". Una pausa, poi le lacrime.

Non è un parente delle vittime di Gaza. E’ il portavoce ONU per i rifugiati palestinesi (Unrwa), Chris Gunness che durante un’intervista ad Al Jazeera, ripresa da Repubblica.it non è riuscito a trattenere le lacrime, scoppiando in un pianto a dirotto. Gunness stava descrivendo l’impatto umano devastante dei bombardamenti israeliani su Gaza condannando l’attacco. Il suo volto, segnato dalla sofferenza e dallo stress di queste settimane, dimostra che una cosa è certa: ciò che sta accadendo è contro l’uomo, di qualsiasi razza, religione o estrazione sociale. E la domanda è unanime: quando finirà tutto questo? Davanti all’immobilismo della comunità internazionale e delle grandi potenze mondiali, chi avrà il coraggio di fermare queste atrocità?

Le proteste su Twitter
Attraverso il suo profilo Twitter, Gunness dall’inizio del conflitto ha fatto circolare news e immagini sugli oltre 180mila sfollati palestinesi di Gaza in fuga dalle bombe. Le due scuole distrutte nell’ultima settimana, come riporta Huffington Post il 31 luglio, erano rifugi dell’Unrwa e per questo Gunness aveva protestato duramente, chiedendo conto delle vittime al governo israeliano "La Unrwa condanna nella maniera più assoluta questa grave violazione del diritto internazionale da parte delle forze israeliane".

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
conflitto israelo palestinesegaza
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni