Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconApprofondimenti
line break icon

Così la politica è influenzata dalle lobby gay

AFP PHOTO/Karen BLEIER

Banderas pro gay ante la Corte Suprema de EE.UU.

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 29/07/14

In Inghilterra la ministra anti matrimoni-gay costretta a nominare un consigliere omosessuale

Ha avuto il torto di votare contro il matrimonio gay, scatenando le insurrezioni degli attivisti. E alla fine Nicky Morgan, ministro dell’istruzione e delle pari opportunità britannico, ha dovuto rimediare all’"affronto" nominando come suo consigliere speciale un attivista gay molto conosciuto in Inghilterra, Luca Tryl (Daily Telegraph, 28 luglio).

Raffica di proteste dagli attivisti britannici
Tryl è tra i maggiori esponenti di Stonewall, la principale associazione del Paese impegnata nella lotta per i diritti delle persone omosessuali, che ha messo sotto accusa la conservatrice Morgan sin dal momento della sua nomina. Michael Cashman, fondatore di Stonewall ed ex deputato laburista aveva parlato di situazione «preoccupante» perché la nomina era garantista, a suo avviso, sul fronte dell’eguaglianza eterosessuali-omosessuali.

Si sarebbe scatenato un vero e proprio pressing dai sostenitori LGBT d’oltremanica per convincere il premier David Cameron ad allontanare Morgan. Che però si sarebbe risolto non con l’epurazione, ma con il compromesso della nomina di Tryl come braccio destro della tory anti gay-marriage. Un segnale di forza da parte delle lobby omosex inglesi, capaci di influenzare la posizione di un governo, ormai sempre meno rigido sulla difesa della famiglia tradizionale.

Chi sono gli influencer gay italiani
E’ un po’ lo scenario che vorrebbero riprodurre in Italia gli attivisti del movimento LGBT. Nel nostro paese la posizione del governo sulla questione diritti sta gradualmente pendendo verso gli influencer gay. Dichiarava a L’Unità (16 giugno) Ivan Scalfarotto, parlamentare del Pd, tra le voci politiche più ascoltate nell’universo gay: «Non voglio impiccarmi a una posizione ideologica col risultato poi di lasciare le cose come stanno oggi. Quindi pragmaticamente con le unioni civili alla tedesca la strada è più sicura e rapida». E poi, siccome è una legge varata da Renzi, «nessuno potrà mai accusarlo, lui cattolico praticante, di brandire ideologicamente certi temi».

L’obiettivo è chiarissimo: far diventare il premier il "parafulmine" per far accettare silenziosamente ai cattolici il disegno di legge che il governo con tutta probabilità annuncerà ad inizio settembre, zittendo così ogni polemica. Chi lavora in questa direzione è anche Franco Grillini di Gaynet Italia, che in queste ore è salito agli onori della cronaca per le gravi accuse alla Curia di Bologna, rea di aver criticato il registro per le coppie di fatto sposate all’estero istituito dal sindaco Virginio Merola (Corriere della Sera – Bologna, 28 luglio).

Negli Usa donazioni alla politica
La campagna delle lobby gay non è una novità oltreoceano. Negli Stati Uniti è da oltre venti anni, come ha recentemente scritto il New York Times (29 aprile), che gli influencer LGBT sborsano fior di quattrini per influenzare le scelte politiche. Tim Gill, noto imprenditore filantropo, ha dichiarato al quotidiano newyorchese di aver speso 300 milioni di dollari in 20 anni per propagandare gli ideali gay-lesbo. E dalle colonne del giornale ha lanciato una la campagna per estendere i “diritti LGBT” ai 29 Stati americani, in gran parte del sud, fermamente contrari a matrimoni e adozioni gay, ormai legalizzati in molti altri Stati del paese.

La forza economica della comunità LGBT si è manifestata in modo ancora più palese in occasione della campagna per le presidenziali 2012 di Barack Obama. Per rinfoltire i suoi finanziamenti Obama annunciò in tv, sull’emittente Abc, il via libera alle nozze omosessuali. Basti pensare, riportava Il Fatto Quotidiano (11 maggio 2012), che nei 90 minuti successivi alla sua dichiarazione, giunsero donazioni per oltre un milione di dollari a favore della sua campagna elettorale. Ad inviarle, imprenditori e comunità LGBT.

Tags:
lgbtlobby gay
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni