Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconStile di vita
line break icon

Bambini senza tempo per essere bambini

© Angela Waye/SHUTTERSTOCK

LaFamilia.info - pubblicato il 28/07/14

Hai misurato il livello di stress dei tuoi figli?

Gli adulti non sono gli unici a vivere di corsa; succede anche ai bambini. Spesso i genitori sovraccaricano di attività i propri figli per tenerli “occupati”, sminuendo l’importanza del tempo libero nel loro sviluppo.

Si alzano molto presto per andare a scuola, dopo una lunga giornata arrivano a casa e hanno solo pochi minuti per mangiare qualcosa prima di avere la prima attività della loro agenda: la lezione di musica. Poi la partita di calcio seguita dalla lezione di inglese. Il sole sta per tramontare e devono ancora fare i compiti. Quando arrivano a casa è ora di cena, e una volta terminata questa devono mettersi a studiare. Quando è ormai sera, sono stanchi e non hanno la forza di guardare un quaderno, ma televisione e Internet. Alla fine arriva l’ora di andare a dormire e… dove sono finiti il riposo e la condivisione in famiglia?

Questi bambini hanno tante occupazioni quante ne hanno gli adulti, non hanno il tempo neanche per stare con i propri genitori, la loro vita è stressata, viene chiesto loro tanto, devono anche essere i migliori. Fino a dove arriva la necessità del figlio, e dove il desiderio o i gusti dei genitori?

I genitori vogliono che i figli siano occupati, ma a volte eccedono con i loro desideri. Le attività dopo la scuola sono il modo che molti genitori utilizzano per riempire lo spazio tra la scuola e il loro ritorno dal lavoro. È anche raccomandabile, però, che i bambini abbiano momenti di divetimento e soprattutto tempo da condividere con la famiglia.
Non c’è dubbio sull’importanza dello sport, della cultura e dell’arte nell’educazione, né è motivo di dibattito la necessità che i bambini siano occupati e lontani dall’ozio, così come non bisogna disconoscere le condizioni attuali che obbligano entrambi i genitori a lavorare e per questo i bambini restano soli a casa a vedere la televisione o a giocare ai videogiochi. Niente di tutto questo è motivo di discussione.

Malgrado ciò, è tipico dell’infanzia il gioco libero, spontaneo e divertente. Quando un bambino ha avuto una giornata piena di attività, si esaurisce fisicamente, il che impedisce che la sera sia disposto a divertirsi in famiglia, perché ormai è in preda al sonno e alla stanchezza.
Al momento di scegliere un’attività extracurricolare per i figli, è fondamentale tener conto di tre aspetti principali: la necessità, il gusto e le capacità del figlio.
È importante porsi queste domande:

  • Questa attività aiuterà mio figlio a sviluppare una capacità innata che vale la pena di coltivare?
  • Questa attività è necessaria perché mio figlio o forse noi come genitori ci stiamo lasciando trascinare dalla società consumistica?
  • A mio figlio piace davvero questa attività o la svolge perché noi come genitori abbiamo sognato tutta la vita di praticarla?
  • Stiamo “buttando” nostro figlio in una competitività incoraggiata dalle nostre frustrazioni di adulti?

Le attività extracurricolari sono importanti, ma devono avere l’intensità appropriata. Non bisogna saturare i bambini, altrimenti finiranno per chiedere un attimo di respiro.

Due volte a settimana sarebbe una buona media, di modo che gli altri giorni avrebbero la possibilità di svolgere altre attività, come trascorrere piacevolmente del tempo con amici o cugini, far visita ai nonni, giocare al parco, fare sport in famiglia…

In conclusione, la questione delle attività extracurricolari non va tralasciata, perché anche se non sembra ha molta più incidenza di quanto si immagini.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
bambinieducazionetempo libero
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni