Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
Paolino di Nola
home iconNews
line break icon

Stupri e violenze nell’India che fatica a ribellarsi

John Isaac/World Bank

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 26/07/14

Nel mirino donne e bambini. Cresce la paura anche per i cristiani

Gli obiettivi di stupri, impiccagioni e assassinii sono sempre gli stessi: donne, bambini, ragazzini. L’India sta facendo i conti con una nuova ondata di violenza che non sembra avere argini.

Linciaggio per gli stupratori della bimba impiccata
La Stampa (24 luglio) riporta una notizia diffusa oggi dai media indiani. Una bambina di 8 anni è stata stuprata e impiccata ad un albero in un villaggio del West Bengala, lo stato indiano dove sorge Calcutta. Tre uomini sospettati di esseri gli autori della violenza sono stati linciati dalla folla prima dell’arrivo della polizia. Uno di loro è morto all’ospedale. Quest’ultimo era il «tantric», la figura magica e guaritrice della comunità. Seconde alcune fonti, la famiglia della bambina era coinvolta in una disputa su dei terreni, e quindi la piccola potrebbe essere stata vittima di una ritorsione.

Uttar Pradesh capitale della violenza
Negli ultimi due mesi si contano decine di crimini sopratutto nello stato dell’Uttar Pradesh, che si sta etichettando come una vera e propria icona della violenza sessuale, come scrive l’Ansa (12 luglio). Nella comunità internazionale hanno lasciato il segno l’omicidio di una 44enne, trovata impiccata con un sari (tradizionale abito indiano) ad un albero di guava dopo un presunto stupro di branco; il delitto di due cuginette di 14 e 15 anni impiccate ad un albero di mango sempre dopo una violenza di gruppo; la morte di una ragazza di 16 anni, sempre con l’impiccagione ad un albero, e anche in questo caso, con tutta probabilità, in seguito ad uno stupro.

Non solo donne e bambine
Ma non sono solo le donne a finire nel mirino delle gang. Un ragazzo di 15 anni, studente di una madrassa (scuola islamica), e’ stato sodomizzato ed ucciso – ancora nell’Uttar Pradesh – ed il suo cadavere gettato su una strada del villaggio di Sarai Raja, nella zona di Mandhata. (Il Messaggero, 12 giugno).

Un’altra piccola vittima maschile c’è stata a New Delhi. Come riporta La Repubblica (3 giugno), un bambino di dieci anni è stato stuprato addirittura da otto uomini. Uno dei violentatori «lo ha attirato a casa sua proponendogli di vedere la gabbia con i piccioni di sua proprietà, ma una volta arrivato il bambino si è trovato di fronte ad otto persone pronte ad usargli violenza».

La grande protesta di Bangalore
In questo scenario di violenza è stata promossa una prima grande protesta di sdegno collettivo a Bangalore, una megalopoli di 8 milioni di abitanti. La Repubblica (19 luglio) racconta di una marcia di 6 chilometri alla quale hanno partecipato 5mila mamme e papà indiani. Una manifestazione di protesta dopo la notizia dello stupro di una bambina di 6 anni in una scuola privata ad opera di un docente e vigilante. Le famiglie hanno chiesto a gran voce l’arresto per i colpevoli e maggiore sicurezza per i loro bambini. E’ la prima volta che un fronte così compatto e numeroso alza la voce contro questa piaga sociale.

Anche i Cristiani nel mirino
Dall’ondata di violenze non sono esclusi i cristiani. L’arcivescovo di Bangalore, monsignor Bernard Moras, ha comunicato all’agenzia AsiaNews (18 luglio) di una pre-novizia di 17 anni stuprata a Bangalore da tre uomini nell’istituto delle Suore della Santa Natività. L’aggressione è avvenuta poco dopo l’ora di pranzo. La vittima era sola nella sua stanza al piano terra dell’istituto a Hennur, quando qualcuno ha suonato il campanello. Lei è andata ad aprire: tre uomini le hanno spruzzato in faccia una sostanza chimica, lei è svenuta. L’hanno trascinata fuori, l’hanno stuprata e sono fuggiti via, lasciandola in stato di incoscienza. Si teme che dietro l’offensiva ci sia la mente dei fondamentalisti indù.

  • 1
  • 2
Tags:
indiapersecuzione cristianistupri
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni