Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come distinguere tra possessione diabolica e malattia mentale?

Malik ml Williams / Flickr CC
Condividi

Intervista allo psichiatra portavoce dell’Associazione Internazionale degli Esorcisti, riconosciuta dal Vaticano e fondata da padre Gabriele Amorth

 

Come si apre un caso psichiatrico?

Il sacerdote esorcista decide caso per caso, decidendo se coinvolgere un medico psichiatra. Questo professionista deve avere una preparazione accademica ma anche spirituale. Ci sono medici che non credono all’esistenza del diavolo, non riconoscono l’attività demoniaca ordinaria o straordinaria. […] A volte gli esorcisti si trovano in difficoltà quando inviano i loro pazienti dagli psichiatri che non hanno fede e che non riconoscono il maligno.

Quali sono le malattie psichiche che possono essere confuse con una possessione diabolica?

Sono quelle come la schizofrenia, il disturbo ossessivo. Questo, ad esempio, nei casi di possessione diabolica. In un contesto di psicosi delirante potrebbe, in base ai casi, sembrare una possessione diabolica. Dobbiamo quindi considerare queste patologie con grande attenzione e con la competenza richiesta a questo scopo.

Qual è il primo passo che deve compiere una persona che ha un problema e vuole sapere se è una questione spirituale o psichiatrica?

Molte delle cose che abbiamo menzionato coinvolgono persone che nella maggior parte dei casi vivono fuori dalla grazia di Dio, persone che vivono in situazioni di peccato mortale. È chiaro che per un credente il primo passo è riconciliarsi con Dio attraverso la preghiera, la Sacra Scrittura e i sacramenti. La persona può seguire un cammino di fede accompagnata da un padre spirituale. Ovviamente, se queste persone manifestano problemi psichici o medici possono richiedere l’aiuto di uno specialista.

Un noto esorcista, Sante Babolin S.J., ha affermato che dei casi di persone che chiedono un rituale di liberazione solo il 2% riguarda veri episodi di possessione diabolica, mentre il restante 98% è costituito da casi psichiatrici. Esistono statistiche sulle percentuali di casi reali di esorcismo?

È difficile quantificare il fenomeno, perché le fonti sono diverse. Posso dire che all’esorcista che lei ha citato, di chiara fama internazionale, arriva probabilmente un numero superiore di casi di problemi preternaturali rispetto ai casi psichiatrici. A me come specialista arrivano molti casi psichiatrici e constato che esiste una percentuale molto bassa di casi che richiedono un esorcismo.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni