Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconNews
line break icon

Aids, due speranze per la cura del virus

© Adek BERRY / AFP

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 25/07/14

Si avvalora la teoria dell'ONU che vuole la sconfitta della malattia entro il 2030

I numeri giocano dalla parte della malattia. Eppure i risultati conseguiti negli ultimi cinque anni, ed in particolari quelli ottenuti nell’ultima settimana, lasciano trapelare che la sconfitta dell’Aids non è più una chimera. Un farmaco che sconfigge i tumori e i trapianti di midollo potrebbe rivelarsi due armi vincenti contro il virus dell’Hiv.

Stanare il virus nascosto
Il farmaco anti cancro, spiega il Corriere della Sera (25 luglio) può smascherare il virus dai suoi rifugi nell’organismo e renderlo vulnerabile alle difese umane. L’Hiv è capace di nascondersi in cellule chiave del sistema difensivo, le Cd4, in modo tale da non poter essere individuato e distrutto dalle cellule più potenti del nostro sistema di difesa (sistema immunitario), le T. Nascosto nelle Cd4, Hiv si iberna per “risvegliarsi” quando riattiva l’infezione.

Le virtù benefiche del romdepsin
Un importante studio danese, presentato alla Conferenza internazionale sull’Aids in corso a Melbourne (Australia), apre nuove interessanti prospettive di cura. Un medicinale anticancro ha dimostrato di poter snidare le colonie di virali nascoste nelle Cd4 dei pazienti che assumono farmaci anti-Hiv, esponendole al sistema immunitario e rendendole finalmente vulnerabili. Il medicinale è il romidepsin.

Spariscono insieme cancro e Aids
Una notizia che giunge pochi giorni dopo che due australiani con Hiv e malati di cancro hanno ricevuto il trapianto del midollo spinale, che non solo li ha liberati dal cancro, ma ha anche sradicato il virus dell’Aids dall’organismo. L’Ansa (21 luglio) riporta l’annuncio, ha preceduto di poche ore l’apertura a Melbourne della Conferenza Internazionale sull’Aids di 12 mila delegati di 200 paesi.

Due successi dopo il caso di Berlino
I due pazienti di Sydney sono stati trattati nell’ospedale St Vincent’s e sono diventati la seconda e terza persona al mondo ad essersi liberati dell’Hiv, dopo un americano trattato con successo a Berlino nel 2007-08. Il primo australiano soffriva di linfoma di Hodgkin e ha ricevuto il trapianto del midollo nel 2010 da un donatore che aveva due copie possibili di un gene che dà protezione contro l’Hiv. Il secondo ha ricevuto un normale midollo per trattare una leucemia mieloide acuta nel 2011, e si è anche liberato del virus, pur non avendo alcuna immunità genetica conosciuta.

In meno di venti anni l’Hiv potrebbe scomparire
Queste due sperimentazione di successo rafforzano le tesi dell’ONU, secondo cui in meno di vent’anni il virus dell’Aids potrebbe essere fermato (Il Fatto Quotidiano, 16 luglio). Le Nazioni Unite si sono date come data ultima per dare uno stop alla diffusione della malattia il 2030. «Porre fine all’epidemia provocata dal virus Hiv è possibile», ha affermato Michel Sidibé, direttore esecutivo dell’Unaids, il programma congiunto dell’Onu su Hiv/Aids.

Un esercito di persone contaminate
Secondo il rapporto delle Nazioni Unite, nel mondo ci sono circa 35 milioni di sieropositivi, di cui 24,7 milioni nell’Africa sub-sahariana. Dallo scoppio dell’epidemia, più di trent’anni fa, 78 milioni di persone sono state infettate e 39 milioni sono morte per malattie correlate all’Aids. Dati che però non sembrano spaventare l’Onu, tanto più alla luce delle nuove "vittorie" conseguite.

Il boom degli antiretrovirali
Secondo un’analisi del rapporto fatta da al Jazeera (16 luglio), ci sono diverse ragioni per accreditare la speranza di raggiungere il controllo della malattia. Il mondo ha osservato importanti cambiamenti sul fronte dell’Aids e sono stati registrati più successi negli ultimi cinque anni che ne 23 precedenti, sottolinea l’Uniads. In particolare, l’accesso alle terapie antiretrovirali è cresciuto, portando a 12,9 milioni il numero di persone con l’Hiv che vi hanno accesso, pari al 37% di chi convive con il virus.  

Tags:
aids
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni