Aleteia
venerdì 23 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
News

Quanto caos sulla fecondazione eterologa

Instituto Bernabeu / Flickr / CC

<span class="name" id="yui_3_11_0_3_1399021319008_883"><span class="photo-name-line-1" id="yui_3_11_0_3_1399021319008_900"><a href="https://www.flickr.com/photos/institutobernabeu/" id="yui_3_11_0_3_1399021319008_902">Instituto Bernabeu </a></span></span>

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 24/07/14

Si fatica a sciogliere il nodo sull'anonimato del donatore. Intanto sarebbero già in corso quattro gravidanze tra Roma e Milano.

Il 28 luglio potrebbe essere il giorno di una storica e definitiva svolta per la fecondazione eterologa. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato che le linee guida in materia saranno presentate alla Camera e a settembre ci sarà un decreto del Consiglio dei Ministri per attivarle (Il Messaggero, 23 luglio).

Eterologa, terreno minato
In questo modo, a distanza di tre mesi dalla sentenza della Consulta, che ha annullato il divieto di fecondazione eterologa imposto dalla Legge 40, si completerà il quadro normativa che avrà un effetto "rivoluzionario" in Italia. Sarà legale, infatti, utilizzare per una gravidanza un seme oppure un ovulo che provengono da un soggetto esterno alla coppia di genitori del nascituro (il quale presenterà quindi un patrimonio genetico diverso da quello di coloro che intendono allevarlo). Eppure ci si sta incamminando in un terreno minato, tra molte ombre e pochissime luci. In questi giorni regna il caos più assoluto sui diversi fronti impegnati a trasformare in realtà la fecondazione eterologa.

Le linee guida del ministero
Il gruppo di esperti del ministero sta lavorando intensamente per le annunciate linee guide del ministro Lorenzin. Si sta ragionando su alcuni punti chiave: i termini della donazione gratuita, con limite al numero di donazioni (da 5 a 10); no ai cataloghi per scegliere le caratteristiche genetiche del genitore biologico; sì al diritto dei bambini di conoscere le loro origini; età massima per la donna che vuol ricevere la fecondazione dovrebbe essere di 52 anni, come per l’omologa

L’anonimato dei donatori
Le maggiori difficoltà si incrociano sulle deroghe all’anonimato dei donatori, come riporta La Stampa (24 luglio). L’effetto a lungo termine della provetta libera potrà essere un esercito di bebè che una volta cresciuti vorranno conoscere il loro vero padre. In base alle norme italiane, i dati dei donatori sono conservati con l’anonimato per 30 anni in appositi registri e di fatto c’è la possibilità di risalire ai propri dati genetici, tutto allo scopo di garanzia sanitaria ma non per una identità biologica che non è alla base di rapporti familiari, come sentenzia la Corte Costituzionale.

L’identità del padre biologico
Le regole in vigore riguardano le donazioni di cellule, le modalità con cui prestare il consenso informato da parte del donatore, l’anonimato del donatore e del ricevente, e le modalità di selezione del donatore. Le regole in vigore riguardano le donazioni di cellule, le modalità con cui prestare il consenso informato da parte del donatore, l’anonimato del donatore e del ricevente, e le modalità di selezione del donatore. Il ministro Lorenzin ha detto che va risolto il problema dell’anonimato o almeno di chi cede i propri gameti alla coppia e il diritto a conoscere le proprie origini e la rete parentale più prossima (fratelli e sorelle) da parte dei nati con queste procedure.

Quattro pazienti Ignorano la Consulta
Mentre il team di esperti lavora tra i meandri insidiosi delle linee guida, c’è un altro fronte caldo da sbollire. Si domanda il Corriere della Sera (23 luglio): in Italia è già possibile eseguire questo tipo di fecondazione oppure bisogna attendere una normativa mirata da parte del ministero della Salute? È uno scontro a colpi di norme e regolamenti. Ci sono quattro casi, infatti, di pazienti che a Roma e Milano avrebbero già avviato la fecondazione eterologa, convinti che basti il recente parere favorevole della Consulta. Lorenzin ha però smentito: «Non mi risultano al momento gravidanze da fecondazione eterologa».

Il caso del ginecologo Antinori
Dei quattro presunti casi, tre sarebbero a Roma, almeno secondo quanto sostenuto dall’associazione Luca Coscioni. Che ha optato per l’anonimato delle coppie e dei medici coinvolti. Una, invece, a Milano, propiziata dal ginecologo Severino Antinori. Che – fa sapere, invece, con dovizia di particolari – nella sua clinica "Matris" ha accolto una coppia pugliese, con problemi di fertilità maschile e che per ben tre volte si era recata in Spagna senza successo. Risultato: l’ecografia conferma, avranno il primo figlio da eterologa in Italia (

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bioeticafecondazione assistita
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
i.Media per Aleteia
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOMAN, NECKLACE, GOLD
Annalisa Teggi
Disoccupata con 4 figli paga il medico con un...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni