Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Febbraio |
San Gabriele dell'Addolorata
home iconApprofondimenti
line break icon

Cittadini e obiettori: una questione di libertà

© Public Domain

Città Nuova - pubblicato il 24/07/14

Il recente decreto di Zingaretti sui medici dei consultori pone un dibattito: come può l’esercizio legittimo di un diritto, venire ridotto con un semplice atto amministrativo?

di Adriana Cosseddu

La notizia che un presidente della Regione, dettando le linee di indirizzo per i consultori familiari, possa comprimere l’esercizio di un diritto fondamentale quale l’obiezione di coscienza pone una domanda: poteva farlo?

Occorre tener presente che il presidente della Regione Lazio Zingaretti ha adottato il decreto in questione in qualità di commissario, ovvero, nella funzione a lui attribuita di completare il Piano di rientro dai disavanzi del settore sanità. Dunque, una funzione specifica e di natura tipicamente amministrativa, che non consente certo di intervenire su un diritto costituzionalmente garantito. Invece, nel decreto adottato il maggio scorso è prevista, per i medici obiettori operanti nei consultori, una limitazione all’esercizio dell’obiezione di coscienza, e ciò nonostante la previsione dell’art. 9 della legge 194/1978.

La legge nazionale sulla «tutela sociale della maternità» e l’interruzione della gravidanza consente infatti al personale sanitario di non prendere parte alle procedure (che nell’art. 5 includono la certificazione preliminare all’aborto) e alle attività dirette all’interruzione volontaria della gravidanza.

Contrariamente a tale disposizione, nel decreto del Commissario si dispone non solo la certificazione, che risulta imposta agli obiettori, ma anche l’obbligatorietà della prescrizione della cosiddetta pillola del giorno dopo, nonché l’applicazione di dispositivi (IUD) con l’effetto di impedire di fatto l’annidamento dell’embrione.
Come può l’esercizio legittimo di un diritto che la legge consente, venire ridotto con un semplice atto amministrativo? La domanda è doverosa e necessaria.

Doverosa, perché l’obiezione di coscienza investe la sfera più intima della persona, ed è un diritto garantito dagli artt. 2, 19 e 21 della Costituzione. È un diritto tra quelli inviolabili, il cui esercizio è espressione della libertà religiosa e della libertà di manifestazione del pensiero. Come tale, rientra nel «diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione» dell’art. 18 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, e del Patto internazionale sui diritti civili e politici; è oggi espressamente consacrato nell’art. 10 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (Trattato di Lisbona).
Domanda necessaria, perché se il diritto all’obiezione di coscienza è ammesso anche per la sperimentazione animale (Legge 413/1993), non si comprende come possa essere limitato rispetto alla vita umana, che comunque la legge 194 all’art. 1 dichiara di voler tutelare.

Ci hanno forse abituato a pensare che l’obiezione di coscienza sia contro l’osservanza della legge, mentre la si esercita per la difesa di un diritto, in questo caso indisponibile, quale la vita, fondamento e premessa di ogni altro.
Non si riflette mai abbastanza, o non si riflette affatto, sull’intero contenuto dell’art. 5 della legge 194, che proprio all’inizio affida ai consultori e alle strutture socio-sanitarie «il compito in ogni caso», e specialmente in presenza di una richiesta di IVG dovuta a condizioni economiche o sociali o familiari, di stare accanto alla donna per «aiutarla a rimuovere» le cause e trovare una possibile soluzione alternativa all’aborto.

È la stessa legge che lo prevede e andrebbe applicata; e perché non lasciare ai medici obiettori questo spazio capace di spezzare la solitudine in cui spesso la donna è lasciata?

Si tratta di essere tutti cittadini, piuttosto che sudditi!

Qui l’originale

Tags:
abortobioeticaobiezione di coscienza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
4
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
5
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
6
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni