Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconStile di vita
line break icon

Le grandi lezioni del calcio

© JEWEL SAMAD / AFP

padre Carlos Padilla - Aleteia - pubblicato il 22/07/14

Ciò che conta davvero è dare tutto ad ogni passo, dare la vita sul campo, anche se alla fine perdiamo; sicuramente perdere fa male, ma ci rende anche più forti e più maturi

Se Gesù fosse qui oggi, utilizzerebbe il calcio come immagine per insegnarci qualcosa della vita. Dopo un mese di tanto calcio con i Mondiali, ci sono molte immagini che parlano della vita. Delusioni e gioie, frustrazioni e disprezzo, odio e stanchezza.
Il calcio muove passioni. Risveglia gioie e tristezze. Amori incondizionati o violenza. Allontana e avvicina, unisce e separa. Il calcio non ci lascia indifferenti. Competere, lottare per la vittoria, vincere o perdere.
Sono molte le cose che Gesù potrebbe insegnarci se si servisse del calcio come parabola. Il calcio è uno sport di squadra. Tutti hanno un posto. È più importante lavorare per l'insieme che cercare la propria gloria. Una squadra può avere molte stelle, ma se non si lavora per l'insieme il valore delle stelle si può perdere.
Lavorare in squadra richiede rinuncia, sacrificio, umiltà. Esige la rinuncia al proprio beneficio se ciò va a beneficio di tutti. Non si raggiunge nulla senza contare sugli altri. Da soli non possiamo.
Afferma papa Francesco nella sua esortazione: «Nessuno si salva da solo, come individuo isolato, ma Dio ci attrae considerando la complessa trama di relazioni interpersonali che si realizzano nella comunità umana. Dio entra in questa dinamica popolare».
Nel gruppo tutti sono importanti. Se io non apporto del mio, quello che so fare bene, gli altri si perdono qualcosa. Non è facile. Perché possiamo risparmiarci e lasciare che siano gli altri a dare il proprio apporto. Possiamo risparmiarci e lasciare che si sforzino gli altri. Tutti, però, siamo necessari.
Per questo, quando perdiamo perdiamo tutti, e quando vinciamo vinciamo tutti. È la comunione per raggiungere il fine sognato. Sì, il calcio parla della vita e ci mostra le cose importanti.
Camminiamo uniti, siamo intrecciati in questa vita. Giochiamo in squadra, abbiamo bisogno gli uni degli altri, abbiamo bisogno di persone che ci aiutino a scoprire il nostro posto nel campo, che confidino e credano in ciò che possiamo fare quando giochiamo. Il nostro apporto è fondamentale. L'apporto di tutti costruisce.
Il calcio ci insegna inoltre che nella vita le sconfitte e le vittorie sono passeggere. Una linea molto sottile separa il successo dal fallimento. Un secondo, un errore, un po' di fortuna, un miracolo.
Diceva un allenatore: «Molte volte ci insegnano che vincere è tutto, la cosa più importante, l'unica. Io devo essere il primo. Ma la gente che ti sostiene ti fa vedere che non esiste solo quella parte del calcio. Esiste anche l'altra, in cui la partita non merita neanche una lacrima, perché quando nella vita si dà tutto si può vincere, si può perdere, ma importa meno. Possiamo perdere con la tranquillità di aver dato tutto. È la vita, in un momento hai tutto, e all'improvviso non hai nulla».
Come in molte cose nella vita, la fine non è la cosa più importante. Imparare a vivere significa valorizzare il momento, la tappa del cammino, e vedere che vincere non è tutto. Perché in un momento tutto può cambiare. Si può perdere ciò che era a portata di mano.
Quello che conta davvero è dare tutto ad ogni passo, dare la vita sul campo, anche se alla fine perdiamo. Perdere fa sicuramente male, ma ci rende anche più forti e più maturi.
Dopo la sconfitta ci resta solo una cosa da fare: alzare la testa e rimetterci in cammino. Lottare un'altra volta fino alla fine anche se non avremo ancora successo. Guardare alla prossima meta e anelare all'impossibile. E credere, sì, credere sempre che sia possibile. Sì, è come la vita.
Gesù, parlando di calcio, avrebbe parlato del gioco pulito, evitando la violenza. Avrebbe sottolineato l'onestà di dire sempre la verità, senza fingere né mentire con i gesti cercando di ingannare l'arbitro.
Avrebbe esaltato chi tratta con rispetto l'avversario, chi non insulta né aggredisce, chi non ridicolizza né ride del male altrui, chi ammira l'avversario prima e dopo la partita. Avrebbe elogiato il calciatore che accetta la missione di costruire senza essere colui che spicca di più, senza occupare alla fine i titoli dei giornali.
Avrebbe sottolineato il lavoro del buon allenatore. Di colui che sa tirar fuori il meglio dai suoi e riesce a sfruttare tutto il loro potenziale, come un vero padre. Conoscendo i loro limiti, sognando le loro possibilità, amandoli nella sua missione. Senza umiliare chi fallisce, ma incoraggiandolo ad andare avanti e confidando di nuovo nelle sue capacità.
Gesù loderebbe l'allenatore che uniforma l'abbigliamento, crea ponti, accoglie tutti, sa mettere ciascuno al proprio posto e chiarisce sempre che nessuno è imprescindibile nell'allineamento iniziale, ma tutti sono fondamentali nel corso della stagione.
Loderebbe sempre l'allenatore che si assume le colpe nelle sconfitte e non attacca i suoi non prendendosi mai la responsabilità. Un allenatore capace di unire, di integrare, di trarre il meglio da ciascuno.
Loderebbe il calcio come un gioco, in cui ci si diverte e si dà tutto. Ma un gioco che si prende sul serio, come la vita.
Ci sono partite amichevoli, allenamenti, partite poco importanti e partite fondamentali. Poi ci sono quelle partite che si giocano solo una volta nella vita. In cui si decide tutto. Ora o mai più. Sì, nella vita ci sono alcune partite di questo tipo. Sono momenti in cui la decisione che prenderemo, anche se sarà difficile e dolorosa, potrà cambiare tutto. Ora o mai più.
Nella vita, come nel calcio, bisogna imparare a vivere. È questo che rende bella la vita e rende bello il calcio, perché nella vita, come nel calcio, il nostro lavoro spesso non ottiene successo, ma non importa, ci rialziamo e continuiamo a lottare. Vale la pena di sforzarsi e dare tutto. A volte la sfortuna e gli errori possono spezzare i nostri desideri, ma non è la fine, perché la partita della vita si gioca per sempre.
[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]
Tags:
calciomondiali di calciospiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni