Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconChiesa
line break icon

Perché la Chiesa non può ordinare le donne? Perché il sacramento non si produce

AP Photo/Riccardo De Luca

Sacerdotessa anglicana

Aleteia - pubblicato il 21/07/14

Se un vescovo cattolico esce di senno e impone le mani a una donna per ordinarla, non succede assolutamente nulla

Steven Neira

Siamo nell’epoca del “siamo tutti uguali e abbiamo gli stessi diritti”, che a più di un avvocato (di quelli che hanno senso comune) ha portato vari grattacapi, visto che si è cercato in più modi di forzare le leggi perché regolamentassero situazioni di per sé irregolari. Queste situazioni sono tuttavia diventate molto comuni nel mondo attuale, da quello che viene definito impropriamente “matrimonio omosessuale” all’eutanasia infantile e alla legalizzazione delle droghe.

Una cosa che la gente fatica molto a comprendere è come la Chiesa cattolica abbia criteri e misure estremamente diversi, e in molti casi perfino contrari, rispetto a quelli del mondo attuale. Per questo atteggiamento, la Chiesa è stata ritenuta retrograda, anacronistica e intransigente, ma ciò non cancella il fatto che sia l’unica istituzione umana – e divina per quanti la formano – che sia sopravvissuta incolume per due millenni insegnando esattamente la stessa dottrina e basandosi sugli stessi dogmi, con l’ingegnosa abilità di trasmettere il tutto in modi diversi in base a ogni epoca.

Che cos’è il sacerdozio?

Dopo questo breve preambolo, passo al tema in questione. Bisogna tener conto del fatto che il sacerdozio ministeriale è un sacramento istituito da Gesù Cristo il 1° aprile dell’anno 33 (1) nell’Ultima Cena. Questa istituzione raggiunge però la sua pienezza in tre momenti importanti, ovvero:

  • Nell’Ultima Cena, concede il potere di transustanziare (2) il pane nel Suo Corpo e il vino nel Suo Sangue, dicendo: “Fate questo in memoria di me” (3).
  • Tre giorni dopo, una volta Risorto, conferisce l’altissima missione di perdonare i peccati: “’Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi’. Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: ‘Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi’” (4).
  • Infine, conferisce il potere e la missione di insegnare, battezzare e governare il popolo cristiano in modo esplicito: “Mi è stato dato ogni potere in cielo e in terra. Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato” (5).

Gesù, quindi, ha concesso, conferito, comandato, ma a chi? Agli apostoli, e cos’hanno in comune tutti loro? Erano uomini!

È molto probabile che di fronte a questa affermazione le femministe radicali e i difensori del “tutti abbiamo gli stessi diritti”, di cui ho parlato prima, siano già saltati sulla sedia, ma devono sapere chi ha deciso così. NON è stata la Chiesa, né il papa né tantomeno io. È stato Cristo, e il Vangelo ce lo dice in questo modo: “Chiamò a sé quelli che egli volle ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici che stessero con lui e anche per mandarli a predicare” (6).

“Ma questo è stato prima, ora le cose sono cambiate” 

Vorrei ricordare che non stiamo parlando di un partito politico né di un’associazione, ma della Chiesa istituita da Cristo, alla quale Egli ha lasciato indicazioni chiare alle quali si deve attenere, tanto che la cerimonia dell’ordinazione sacerdotale si verifica in base alle indicazioni specifiche della Liturgia e del Diritto Canonico, che stabilisce chiaramente che “riceve validamente la sacra ordinazione esclusivamente il battezzato di sesso maschile” (7). Queste indicazioni date in modo esplicito o implicito da Gesù Cristo non hanno data di scadenza né modo di essere modificate (come nel caso dei divorziati in una nuova unione, che per quanto la Chiesa cerchi di rendere più leggera la questione è e continuerà ad essere adulterio).

  • 1
  • 2
Tags:
ordinazione sacerdotalesacerdozio femminile
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
6
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni