Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconNews
line break icon

“I bambini non sono oggetti da scambiare”

DR / France TV

Hollande 140714

Aleteia - pubblicato il 20/07/14

La lettera aperta della sinistra francese contro la maternità surrogata

Signor Presidente della Repubblica,

In qualità di Presidente della Repubblica francese, nel febbraio 2013, lei ha preso un impegno formale contro l’ingresso in Francia dei contratti di maternità surrogata, affermando la sua ferma contrarietà. 

Lei reiterava così la sua costante e formale opposizione a questa pratica. 

Il contratto di maternità surrogata è in effetti contrario al principio di rispetto della persona, tanto la persona della donna che porta il bambino ordinato, quanto il rispetto della persona del bambino, oggetto del contratto, ordinato da una o due persone, che si sviluppa nel grembo della "portatrice", poi consegnato. Gli esseri umani non sono degli oggetti e siamo fiduciosi nel suo impegno per essere il guardiano, in qualità di Presidente della Repubblica, di questo valore fondamentale della nostra società.

Ma il 26 giugno 2014, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato la Francia poiché esclude dal suo diritto una tale transazione su una donna e un bambino. Non solo il diritto francese dichiara le convenzioni di maternità surrogata del tutto nulle, ma la Corte di Cassazione si oppone alla trascrizione nei registri di stato civile francesi delle nascite che risultano da convenzioni organizzate all’estero. In effetti, se il nostro diritto ammettesse un tale contratto, pur contrario all’ordine pubblico, allora esso avrebbe di fatto la stessa efficacia di un contratto valido, e questa è l’unica cosa ricercata dalle parti che l’hanno stipulato.

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha sanzionato la Francia per lo stato del suo diritto, per aver attentato al «diritto alla vita privata e familiare dei bambini» nati all’estero in esecuzione di contratti di gravidanza surrogata, considerando che il diritto francese avrebbe dovuto riconoscere la relazione filiale esistente nei confronti del padre-cliente, il quale, per via dell’inseminazione della madre-portatrice con il proprio sperma, è il «padre biologico» del bambino.

Ci rivolgiamo a lei poiché tale decisione mette in pericolo il suo costante impegno, ribadito nel 2013.

Se la Francia si piegasse, se le nascite dei bambini legate a contratti di maternità surrogata fatti all’estero fossero iscritti nello stato civile francese, allora il mercato dei neonati diverrà di fatto effettivo. E il contratto di maternità surrogata fatto all’estero sarà efficace esattamente come se fosse lecito.

Una volta che si sarà giunti a questo, signor Presidente, come spiegherà ai francesi che, possedendo del denaro, potranno recarsi all’estero ad acquistare un neonato per farlo iscrivere come loro figlio o loro figlia nello stato civile francese, mentre mancando di sufficienti mezzi, dovranno subire il divieto che si manterrebbe nel diritto francese per i contratti di gravidanza surrogata realizzati in Francia? E come vietare questa pratica in Francia quando se ne riconoscono in Francia gli effetti, con il pretesto che è stata attuata in un Paese dov’è autorizzata?

Questa posizione non sarà sostenibile. Lei dovrà cedere. Lei dovrà ammettere il mercato delle madri in Francia. Lei sarà allora costretto a rinunciare al suo impegno solenne.

Nessuno crederà che questi contratti possano essere realizzati in modo «etico» poiché tutti sanno che si tratta innanzitutto di una questione di denaro per gli intermediari che prosperano oggi sulla sofferenza delle coppie senza bambini, che siano eterosessuali od omosessuali.

Per questo, signor Presidente, le chiediamo, in nome del suo impegno costantemente espresso, di opporsi pubblicamente all’ammissione nel diritto dei contratti di gravidanza surrogata, dove le madri vedono i loro diritti calpestati. Proprio le donne con cui lei si è schierato. Proprio i diritti che sono stati danneggiati e compromessi dalla sentenza della Corte europea.

È concepibile trovare delle soluzioni tecniche per migliorare la situazione giuridica dei bambini presenti sul suolo francese, senza soccombere a ciò che è un trionfo dell’industria del parto su ordinazione, e senza che ciò costi loro lo statuto di essere umano attraverso il riconoscimento dell’efficacia del contratto di gravidanza surrogata che li ha designati come cosa desiderata, ordinata e consegnata.

La Francia potrà così giustificare il fatto di non trascrivere le nascite, poiché ciò equivarrebbe ad ammettere l’efficacia dei contratti di maternità surrogata stipulati all’estero e presto, per questa via, anche in Francia, modificando lo statuto del bambino.

Essendo in gioco la difesa delle donne e dei bambini, le chiediamo anche di rinforzare il dispositivo legislativo di lotta contro la prospezione di clienti francesi da parte delle agenzie per la maternità surrogata e di presentare un progetto di convenzione internazionale volto a proibire la pratica della maternità surrogata e a lottare con strumenti penali contro questa pratica, sulla base della convenzione del Consiglio d’Europa contro la tratta di esseri umani.

La preghiamo di accettare, signor Presidente della Repubblica, la prova della nostra più alta considerazione.

Primi firmatari:
Jacques Delors
Lionel Jospin
Yvette Roudy
Marie-George Buffet
Nicole Péry
Catherine Tasca
Tags:
bioeticafranciautero in affitto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni