Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Si può revocare il compito di padrino di Battesimo?

© Sharon Mollerus
Condividi

La rinuncia non è prevista, per cui la scelta deve tener conto della forza della fede e dell’impegno

Non si può cambiare la realtà passata

A volte i genitori dei bambini battezzati o i padrini sono legati da grande amicizia. Purtroppo, capita che questa amicizia possa perdersi, per cui il battezzato risulta pregiudicato per l’allontanamento del padrino. A volte l’allontanamento tra genitori e padrini arriva a tal punto che i genitori desiderano eliminare dal certificato di Battesimo i padrini dei propri figli. È possibile?

Potremmo pensare che basti andare al registro parrocchiale e chiedere un emendamento del certificato di Battesimo per cambiare i padrini, ma questo è impossibile, tanto come voler cambiare la storia di un Paese emendando i nomi dai suoi registri. Non si possono cambiare i fatti consumati. Alterare i registri battesimali è una mancanza contro la verità e non risolve nulla, perché è giuridicamente impossibile revocare il compito di padrino.

Esclusioni canoniche del compito del padrino

Per essere padrino di un battezzato bisogna non essere soggetti a una pena canonica legittimamente imposta o dichiarata. Se il padrino o la madrina è scomunicato/a, però, si intende che non ha più la facoltà di esercitare normalmente il suo compito di padrino. ““Se il padrino o madrina incorre in censura di scomunica, si deve intendere che è proibito l’esercizio del compito di padrino in base al canone 1331. Per il § 2, 4 dello stesso canone, sarebbe invalido nominare padrino o madrina una persona la cui scomunica sia stata dichiarata o imposta” (2).

Possibili soluzioni

Il diritto canonico non dice nulla rispetto al cambio di padrini, e come abbiamo cercato di spiegare in uno dei paragrafi precedenti ciò si intende dovuto alla natura del compito del padrino, che è esercitato da un cristiano impegnato e dall’“officio” duraturo. Di fronte alle situazioni che si presentano, però, cosa si può fare per trovare una soluzione?

Una possibilità è convincere il o i padrini a riprendere con virtù il loro esercizio di accompagnamento spirituale. Un’altra possibilità è quella di aspettare la Confermazione del battezzato. “Se malgrado l’attenzione posta per scegliere bene il padrino questo non corrisponde alle aspettative riposte in lui, non si può revocare o annullare la sua nomina. Nella Confermazione è possibile scegliere un padrino o una madrina diversi, ma questo non annulla la nomina dei padrini di Battesimo. Sono padrini che si aggiungono a quelli del Battesimo senza sostituirli” (3).

(1) Los padrinos del bautismo en el derecho canónico.
(2) íbidem.
(3) íbidem.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni