Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconNews
line break icon

Israele - Palestina: invece della tregua inizia la guerra

Crown/Cpl Ross Fernie RLC

Erebmedioriente - pubblicato il 18/07/14

L’azione giunge dopo l’illusione di un cessate-il fuoco

La guerra è ufficialmente iniziata. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Moshe Ya’alom hanno ordinato una grande incursione nel territorio della Striscia di Gaza. L’azione giunge dopo l’illusione di un cessate-il fuoco e della finta tregua richiesta dall’Onu – durata dalle 9,00 alle 15,00 – violata da Hamas che ha continuato al lanciare razzi in territorio israeliano, almeno 100. Da parte sua Israele ha interrotto solo per qualche ora i raid, per continuare con maggiore intensità pochi minuti dopo le ore le 15,00. Al momento i morti palestinesi hanno superato le 240 persone, soprattutto donne e bambini. Intanto la Knesset ha approvato il dispiegamento di altri 18mila riservisti da inviare al confine con Gaza.

Il lancio dell’operazione
Pochi minuti dopo l’avvio dell’operazione il governo ha diffuso un comunicato in cui afferma che “il fine dell’operazione è quello di danneggiare i tunnel costruiti dai terroristi che da Gaza si inoltrano in territorio israeliano”, sottolineando che proprio questa mattina “alcuni di questi passaggi sono stati utilizzati da uomini di Hamas, con l’intento di colpire i civili israeliani”. Israele sottolinea che l’ordine di agire questa notte è stato approvato dal gabinetto di sicurezza, dopo che il governo ha accettato il cessate-il fuoco proposto dall’Egitto, rifiutato da Hamas che invece ha continuato al lanciare razzi contro il territorio israeliano. Gli islamisti non hanno nemmeno accettato la tregua umanitaria chiesta dall’Onu, continuando a colpire Israele in modo indiscriminato. “Alla luce dei continui attacchi di Hamas – continua la nota – e delle sue continue incursioni nel nostro territorio, Israele è stato costretto ad usare la forza per proteggere i suoi cittadini”.  “L’operazione ‘Protective Edge’ – conclude – continuerà fino a che non verranno raggiunti i suoi obiettivi: restaurare la tranquillità e la sicurezza di Israele e causare quanti più danni possibili alle infrastrutture di Hamas e degli altri gruppi che dominano la Striscia di Gaza”.

Solo colpa di Israele?
Le colpe di Israele sono molte. Se dovessimo fare un elenco delle più importanti la prima è sicuramente la continua costruzione di insediamenti in Cisgiordania, che blocca l’intesa con l’Autorità palestinese; la seconda è non aver fatto nulla in questi anni per la popolazione di Gaza, al di là dell’erogazione di carburante e di energia elettrica, costringendo quotidianamente le migliaia di persone che lavorano oltre confine a perquisizioni massacranti e contro la dignità umana; un altro punto può essere l’uso eccessivo della forza.

Tuttavia, le colpe di Israele non sono sufficienti per addossare a un’unica parte le responsabilità di questa situazione. Infatti, il movimento terrorista che governa la Striscia utilizza i bombardamenti israeliani per restare al potere. Una domanda che qui ci poniamo e che molti altri siti e giornali si sono posti è: perché a Gaza muoiono così tante persone?
A prima vista pare che Israele miri deliberatamente case e ospedali, spacciandoli come obiettivi militari. Questa sera i medici israeliani hanno inviato una lettera al ministro della Difesa Ya’alom, chiedendo di non colpire l’ospedale di Al Wafa, l’unica struttura sanitaria attrezzata della Striscia di Gaza. I danni collaterali dei bombardamenti chirurgici sono sempre al di sopra delle stime, ma occorre considerare come agisce Hamas, che seguendo i dettami dell’islam radicale fa del sacrificio della popolazione la sua arma vincente. I tre bambini palestinesi, uccisi oggi durante uno dei raid israeliani nel quartiere di Sabra, “giocavano” sul tetto di un palazzo di tre piani, nonostante sia noto che prima dei bombardamenti l’esercito israeliano invii volantini e messaggi per avvertire la popolazione.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
conflitto israelo palestinese
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni