Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconChiesa
line break icon

L’incontro del papa con una vittima di abusi, un’esperienza che “cambia la vita”

Peter Saunders

John Burger - Aleteia - pubblicato il 17/07/14

Un uomo britannico che ha fondato un'organizzazione per aiutare gli altri ha fiducia nel pontefice

Ci sono state molte critiche sulla scia del recente incontro di papa Francesco con le vittime di abusi sessuali da parte di membri del clero, ma dopo aver incontrato il papa Peter Saunders ha grande fiducia.

Saunders, un ex insegnante che ha abbandonato il suo lavoro per fondare la National Association for People Abused in Childhood (NAPAC), ha rilasciato un’intervista a The Boston Globe il giorno dell’incontro affermando che l’evento è stato un momento che gli ha “cambiato la vita”.

57enne, Saunders ha vissuto l’incubo degli abusi di cui è stato vittima dagli 8-13 anni per un quarto di secolo. Gli abusi sono stati perpetrati da un membro della sua famiglia, un insegnante laico, e da due sacerdoti nella sua scuola cattolica.

La NAPAC, che oggi ha 19 anni di attività, lotta per fornire un sistema di supporto alle altre vittime di abusi – sessuali, fisici ed emotivi.

Saunders si è mostrato ottimista verso la possibilità che papa Francesco porti avanti l’impegno della tolleranza zero e della responsabilità. “Credo che sia un uomo sincero”, ha detto alla corrispondente del Globe a Roma Inés San Martín, “e penso che sia una persona che vuole fare bene in questo campo”.

La Chiesa negli Stati Uniti ha iniziato a intraprendere riforme di grande portata per difendere i bambini dagli abusi sessuali da parte di membri del clero sulla scia dei resoconti del 2002 del Globe sulle diocesi che avevano fallito nell’agire contro i sacerdoti abusatori.

Molti critici hanno pensato che papa Francesco, eletto nel marzo 2013, ci abbia messo troppo tempo per incontrare le vittime e non sia stato proattivo come avrebbe dovuto quando era arcivescovo di Buenos Aires.

Saunders vuole dargli il beneficio del dubbio.

“Il papa ha 77 anni, il che significa che ha incontrato centinaia di vittime di abusi sessuali, non necessariamente ad opera di sacerdoti”, ha dichiarato. “Ha sicuramente celebrato un gran numero di Messe alle quali erano presenti vittime di abusi sessuali. Questa è stata la prima occasione ufficiale. Prego che mandi un messaggio a ogni vescovo e a ogni diocesi del mondo dicendo che non devono mai coprire fatti come questi”.

“Questa mattina”, ha spiegato riferendosi all’incontro con Francesco, “ho esortato il papa a formare i suoi sacerdoti e i suoi vescovi a lavorare con le autorità civili quando c’è un qualsiasi pericolo potenziale per i bambini. Annuiva con decisione. Non ha detto molto, ma penso che capisca cosa intendevo. Ho fiducia in lui, e posso solo sperare che non tradirà questa fiducia”.

Il pontefice ha celebrato la Messa mattutina nella cappella della Casa Santa Marta, dove vive, e ha parlato a sei vittime di abusi e alle loro famiglie invitate all’incontro. Dopo pranzo, ha incontrato ogni vittima in modo individuale.

“In quell’omelia ha detto tutte le cose giuste”, ha commentato Saunders, per il quale Francesco ha trasmesso un messaggio importante anche senza parole.

“Onestamente posso dire di essermi seduto e di aver guardato negli occhi un vero uomo, che incidentalmente è il papa”, ha confessato Saunders. “E ho visto una persona onesta, sincera, piena d’amore, e questo per me è abbastanza, perché nessuno di noi è perfetto”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
papa francescopedofilia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni