Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nel matrimonio, più pericolosa della pornografia è la menzogna

Thomas Hawk
Condividi

È una scommessa rischiosa, ma mia moglie è stata l’ancora alla quale mi sono aggrappato per lottare contro la mia dipendenza

Riportiamo questo nuovo contributo del blog Porquesepuede, la validissima testimonianza di un uomo credente che lotta contro la pornografia e cerca di aiutare altre persone come lui. In questo caso, parla della persona che lo ha aiutato di più, sua moglie. Questo problema così grave può diventare una lotta che rafforza ancor di più il matrimonio? È questa la sfida.

Non mi viene in mente un modo migliore per dirlo. Seduto davanti a questo blog, mentre iniziavo a pensarci, mi sono reso conto che prima o dopo dovevo parlarvi di LEI.

Una delle esperienze che ho cercato di condividere qui a livello attivo e passivo è che il peccato della pornografia è, essenzialmente, un peccato della solitudine. In questa orrenda stanza senza porte che siamo noi dipendenti avviene ogni tipo di misteri, parole, voci e immagini. La maggior parte ci distrugge. È la solitudine.

Confessiamolo una volta per tutte: quante volte avete finito di vedere o di fare qualcosa che non dovevate e avete detto qualcosa di simile a “Questa è l’ultima volta”, “Ho cercato ma non ci sono riuscito, quindi non è colpa mia”, “Ho resistito molto più di prima!”, “Alla fin fine sono un uomo (donna) e mi piacciono le donne (uomini)”, “Lo fanno tutti ma nessuno ha il coraggio di dirlo, per cui non deve essere tanto sbagliato” e una lunga serie di eccetera? Tutti questi dialoghi interiori vanno, se ci fate caso, dal senso di colpa disperato all’autogiustificazione più assurda.

Nello spazio di riunione che come sapete cerca di essere questo blog, cercherò di apportare molto brevemente un’esperienza fondamentale.

Se nel mio caso la pornografia era la dipendenza della solitudine, il suo rimedio è stato soprattutto l’aiuto esterno. Sembra ovvio, ma non lo è. Sono cattolico, l’ho detto molte volte e pregando chiedevo a Dio di uscire da questo pozzo. Egli, tuttavia, con una pedagogia diversa dalla mia, aveva i suoi tempi e i suoi motivi per aspettare. Sembrava che non fosse lì per me. Oggi capisco che non era così e inizio a comprenderlo, ma di questo parlerò un altro giorno.

L’aiuto esterno è diventato palpabile quando Dio ha voluto. Per me è stato un regalo enorme. MIA MOGLIE. Siate credenti o no, trovate quella persona che vi ama enormemente. Senza il suo aiuto, spezzare le nostre catene sarà quasi impossibile.

Ricordo che è stato tutto molto difficile. Quando sentite che la pornografia finisce per distruggere il matrimonio non prendetelo come uno scherzo, è vero! Il porno, come ben sapete, è una dipendenza e si basa, oltre a una serie di pixel del tuo schermo, su un concetto oscuro che è il morbo. Quando non sei impegnato nella pornografia, non puoi liberarti dall’orribile sensazione del fatto che “ti stai perdendo qualcosa”. Quando non sei impegnato in essa, ci pensi. Rubi quindi molto tempo a tua moglie (e ai tuoi figli), perverti tante volte la sessualità con lei, appaiono i segreti e le menzogne. C’è talmente tanto da dire sul binomio “matrimonio/pornografia” che vorrei riservarlo a un contributo successivo sul blog.

Per ora voglio parlarvi della persona-àncora. È un referente insostituibile. Qualcuno di esterno a noi. A volte non la scegliamo noi, ma è qualcuno che è vicino a noi e che si impegna a fondo nel nostro cammino. Altre volte bisogna cercarla. Dev’essere qualcuno molto coinvolto affettivamente con noi, che ci voglia bene, che sia disposto ad accompagnarci nel processo di disintossicazione che dovremo seguire e soprattutto che non ci giudichi mai. Pensate se non sono fortunato: “Quello che fai è molto duro, lotta, ma non dimenticare che non ha nulla a che vedere con il fatto che ti amo. Questo è un problema diverso, di entrambi, e se siamo sinceri lo supereremo insieme”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni