Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Germania mondiale

© Michael Kappeler/dpa
GERMANY, Berlin : Germany's Bastian Schweinsteiger (L) kisses the World Cup trophy on stage during the welcome reception for Germany's national soccer team in front of the Brandenburg Gate, Berlin, Germany, 15 July 2014. The German team won the Brazil 2014 FIFA Soccer World Cup final against Argentina by 1-0 on 13 July 2014, winning the world cup title for the fourth time after 1954, 1974 and 1990. Photo: Michael Kappeler/dpa
Condividi

Sconfitta l’Argentina con un gol nei supplementari

“Doveva vincere il fattore M. Messi contro Müller o l’uomo squadra argentino, Javier Mascherano, contro il collettivo tedesco,  la Mannschaft appunto. Se vogliamo, ha vinto il fattore M. M anche come Mario, Mario Götze: l’autore dello splendido gol che, a sette minuti dalla fine dei tempi supplementari, ha deciso al Maracanã di Rio de Janeiro la finale dei campionati del mondo di calcio. Ma soprattutto ha vinto il fattore M inteso come meritocrazia. La finale ha premiato davvero chi ha meritato di più la coppa”.

Lo scrive Damiano Tommasi nel suo commento alla finale dei mondiali di calcio. E continua: “Sono personalmente contento quando a emergere in uno sport di squadra è il collettivo, il movimento continuo di tutti i suoi elementi, ognuno con le sue qualità individuali: stelle sì, ma al servizio di tutti.  La Germania in tutta la competizione ha dimostrato questo e l’ha dimostrato partendo da lontano”.

E sulla programmazione che nell’arco di una decina d’anni ha riportato la nazionale tedesca ai vertici assoluti del calcio insiste anche Sandro Mazzola che, in un’intervista al nostro giornale, sottolinea anche l’“appuntamento mancato col mito” da parte di Leo Messi (“è indubbiamente un grande campione, ha una tecnica sopraffina e una velocità di esecuzione pazzesca, ma evidentemente non regge il peso di certe partite”) e due caratteristiche dei mondiali appena conclusi: “Sono stati i mondiali dei supplementari: segno di un grande equilibrio e del fatto che sono venuti a mancare i campionissimi. E sono stati i mondiali dei portieri: Oltre a Neuer ne abbiamo visti sei o sette capaci di essere decisivi. È stata una delle novità di questa edizione”.

Qui l’originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.