Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconChiesa
line break icon

Solitudine affollata (un incubo)

Silvia Sala

don Fabio Bartoli - La Fontana del Villaggio - pubblicato il 11/07/14

L'inferno è non poter amare più

Prendo a prestito il titolo di una raccolta di poesie scritta da un caro amico tanti anni fa per tentare di descrivere un’immagine che mi ha molto colpito.

Ne “I fratelli Karamazov” lo staretz Zosima così descrive l’inferno: “la tristezza di non poter più amare”.
E’ l’idea del non più che spaventa, quel senso di definitivo fallimento quello smarrimento che ci assale al pensiero di aver del tutto mancato il nostro obiettivo esistenziale.

Credo anche io che non ci sia sofferenza più grande del non amare e, se posso, allora dirò che e l’inferno me lo figuro come una città affollatissima, piena di uomini e donne in continuo movimento.

Ed in questa folla ogni giorno incontro le persone più diverse: il lattaio, i postino, la guardia comunale e l’edicolante, la vecchietta, il mendicante e il politico, il medico il giornalista e tutti, tutti, tutti hanno la mia faccia, uomini e donne tutti con la mia faccia.

È un illusione credere che l’inferno sia popolato di gente interessante, gli Hitler, i Napoleone, i Pacciani… Sono tutti uguali, hanno tutti un volto solo, il mio.

E per quanti uomini incontri non faccio che incontrare me stesso, repliche di me stesso, oppure no, anche io sono una replica, un clone di una matrice originaria, magari pensata a tavolino chissaddove, in quale oscuro laboratorio, la dove si progetta l’Uomo Nuovo.

Nulla di nuovo può accadere in questa città dove tutti hanno il mio volto, dove io sono uguale a tutti e tutti sono uguali a me. Non più amare, significa niente più storia, niente più eventi perché solo è l’amore che fa accadere le cose.
E come amare questi cloni, queste figure di paglia, queste non-persone?

L’inferno è non amare, è non incontrare altri che se stessi, è camminare in mezzo ad una folla di cui nulla ci interessa.
L’inferno è qui, l’inferno è adesso e qui.

Quello che ha detto che l’inferno sono gli altri non ha capito un accidente: l’inferno sono io.

Qui l'originale

Tags:
inferno
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni