Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 28 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconChiesa
line break icon

La verità autentica sugli abusi sessuali sui minori

ALLTHECOLOR CC

padre Dwight Longenecker - Aleteia - pubblicato il 11/07/14

La Chiesa sta facendo abbastanza?

Nei giorni scorsi, papa Francesco ha incontrato privatamente alcune vittime di abusi sessuali da parte di sacerdoti provenienti da Irlanda, Gran Bretagna e Germania. Hanno assistito alla Messa con il pontefice nella cappella della Casa Santa Marta, hanno pranzato con lui e poi si sono incontrate in modo privato per raccontare la propria storia. L'incontro ha avuto luogo dopo la seconda riunione di una commissione speciale istituita dal papa per affrontare il problema degli abusi sessuali da parte di sacerdoti.
L'abuso sessuale di minori da parte dei presbiteri cattolici è stato un crimine orribile contro i giovani, e papa Francesco fa bene ad assimilarlo a un “culto sacrilego”. Come ha fatto il papa emerito Benedetto XVI, Francesco ha condiviso le battaglie delle vittime e ha chiesto perdono. Esprimendo i sentimenti della maggior parte dei cattolici, ha affermato: “Davanti a Dio e al suo popolo sono addolorato per i peccati e i gravi crimini di abuso sessuale commessi da membri del clero nei vostri confronti e umilmente chiedo perdono”.

Come era prevedibile, i critici della Chiesa cattolica non sono soddisfatti. Barbara Blaine, presidente della Rete di Sopravvissuti agli Abusi da parte di Sacerdoti (Survivors Network of those Abused by Priests, SNAP), ha sminuito l'importanza dell'incontro. Le scuse del papa non sono ritenute sufficienti. “Francesco deve intraprendere un'azione decisiva ora” per affrontare lo scandalo in modo più diretto, ha dichiarato la Blaine, non dando importanza anche alla richiesta del papa di risarcimenti e dicendo che “viene prima fermare gli abusi e difendere i bambini. Nessun bambino sulla terra è più sicuro oggi a causa di questo incontro”.

“Le vittime di abusi possono guarire con o senza gli officiali della Chiesa, ma solo con l'aiuto degli officiali della Chiesa i bambini possono difendersi dai chierici che molestano i più piccoli. È su questo che si deve concentrare il papa. Ed è qui che sta rifiutando di agire”.

Se la Blaine è un'esperta del problema come dice di essere, allora sta mentendo deliberatamente. Deve essere a conoscenza dei vasti progetti di protezione dei bambini avviati dalla Chiesa. Oltre a istituire una commissione internazionale per far fronte alla questione, Francesco ha espresso il suo punto di vista con forza e chiarezza. Di fronte ai continui attacchi sull'argomento da parte delle Nazioni Unite, il pontefice ha difeso le azioni della Chiesa in un'intervista rilasciata a marzo al Corriere della Sera in cui ha affermato che la Chiesa cattolica “è forse l'unica istituzione pubblica ad aver agito con trasparenza e responsabilità”.

William Oddie, del Catholic Herald, sottolinea cosa ha fatto la Chiesa cattolica per affrontare il problema e colloca la crisi in un contesto sociale generale, mostrando che la Chiesa cattolica è lungi dall'essere l'unica istituzione ad avere un problema. Citando Francesco e rimarcando cosa è stato fatto, Oddie osserva l'alto livello di abusi sessuali su minori nelle scuole statunitensi e le recenti notizie provenienti dall'Inghilterra sollevando una tenda su storici abusi sessuali di bambini dalle proporzioni scioccanti nel mondo politico e dell'intrattenimento inglese.

In tutto il mondo, i vescovi cattolici hanno messo in atto ampi programmi di protezione. Negli Stati Uniti, ad esempio, in 194 diocesi si svolge una formazione all'ambiente sano. Più di 2 milioni di adulti sono stati formati per riconoscere il comportamento di chi si macchia di questi crimini e cosa fare, e oltre 5 milioni di bambini hanno ricevuto informazioni per riuscire a difendersi dagli abusi. Oltre alla formazione all'ambiente sano, vengono condotte delle analisi sul background di tutto il personale che ha contatti con i bambini.

Tutte le diocesi hanno Codici di Condotta che spiegano qual è il comportamento accettabile e impiegano Coordinatori per l'Assistenza alle Vittime, e nel 2012 sono stati spesi 8,015,842 dollari per terapie per le vittime di abusi sessuali da parte del clero. Tutte le diocesi hanno inoltre Coordinatori per un Ambiente Sano che assicurano il rispetto della Carta per la Difesa dei Bambini e dei Giovani. Dal 2002 vige nei confronti degli abusatori una politica di tolleranza zero. Quando viene riconosciuto o stabilito, dopo un idoneo processo conforme al Diritto Canonico, anche un solo atto di abuso sessuale da parte di un sacerdote o di un diacono, l'abusatore viene rimosso permanentemente dal suo ministero.

Nulla di tutto ciò è a conoscenza della SNAP o della stampa. La Chiesa cattolica, come ha sottolineato papa Francesco, continua invece ad essere usata come capro espiatorio, e Barbara Blaine e la SNAP continuano a fingere che non sia stato fatto nulla. I partecipanti all'incontro annuale della SNAP testimoniano l'atmosfera di odio estremo nei confronti della Chiesa cattolica. Potrebbe esserci un'altra motivazione per i continui attacchi alla Chiesa cattolica? I legami tra l'avvocato che accusa la Chiesa Jeff Anderson e il finanziamento della SNAP sono ben saldi.

Cos'altro può fare la Chiesa cattolica per affrontare la crisi degli abusi sessuali? La commissione papale deve assicurarsi che nelle strutture ecclesiali venga mantenuto il principio della tolleranza zero, ma soprattutto gli officiali della Chiesa devono essere più proattivi nel far sapere cosa viene fatto ogni giorno a livello locale per evitare l'abuso di bambbini. Quanti di noi lavorano in scuole e parrocchie negli Stati Uniti possono testimoniare i corsi di formazione, la certificazione, i controlli di background e le politiche di difesa dei bambini che vengono messi in atto. Nel caso di una notifica, di fronte a qualsiasi forma di accusa credibile, un sacerdote o un operatore ecclesiale verrà preso e gettato sotto l'autobus. I cattolici devono far sapere che si sta applicando la politica della tolleranza zero.

Dobbiamo anche insistere sui fatti e puntare il dito contro il gossip e la bigotteria anticattolici quando si verificano. I sacerdoti cattolici non sono gli unici abusatori, e gli studi rivelano che il problema è ben peggiore in altri settori della società. Dobbiamo ammettere i nostri fallimenti, riparare e fare meglio, ma dobbiamo anche continuare a far conoscere la vera storia sugli abusi sessuali da parte di sacerdoti. Studi oggettivi come quello di Philip Jenkins “Pedophiles and Priests: Anatomy of a Contemporary Crisis” e il “Report” di John Jay espongono i fatti reali relativi agli abusi sessuali ad opera di sacerdoti cattolici.

In nome dell'intera Chiesa, è giusto che papa Francesco incontri le vittime e chieda scusa. È giusto che affrontiamo la terribile verità relativa a pochi uomini malati che hanno servito come sacerdoti. È giusto che affrontiamo la verità sui vescovi che li hanno coperti.

Ma è anche giusto che proclamiamo l'autentica verità sugli abusi sessuali sui bambini e insistiamo sulla giustizia non solo per le vittime, ma per tutte le persone coinvolte in questo affare sordido e deplorevole.

Padre Dwight Longenecker è autore di The Romance of Religion: Fighting for Goodness, Truth, and Beauty.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
chiesa cattolicalotta alla pedofilia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni