Aleteia
lunedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
Approfondimenti

Il neopresidente dello IOR de Franssu: "missione che accetto con gioia"

© ALESSIA GIULIANI/CPP

<br /> July 09, 2014: Jean-Baptiste de Franssu, new president of Vatican Bank IOR attends the press conference will be held on the theme: &quot;New economic framework for the Holy See&quot; at the Vatican.

Radio Vaticana - pubblicato il 10/07/14

I primi commenti sulla missione dell'Istituto dopo i cambiamenti fortemente voluti da Papa Francesco

"Una missione che ho accettato con gioia" è quanto ha dichiarato ai microfoni di Radio Vaticana il nuovo presidente dello Ior, il francese Jean-Baptiste de Franssu, succeduto al tedesco Ernst von Freyberg. De Franssu, 51 anni, sposato e con 4 figli, ha una grande esperienza nell’attività finanziaria in campo internazionale. Intervista rilasciata ad Hélène Destombes:

R. – C’est une grande tâche qui m’est confiée, surtout car je suis dans la continuité…
E’ un grande compito quello che mi è stato affidato, soprattutto perché mi trovo a proseguire il lavoro svolto da Ernst von Freyberg, il presidente uscente. Questo è un compito che richiede anche molta umiltà, poiché lo Ior svolge un ruolo importante per molte Congregazioni e per molte Diocesi nel mondo. E svolge anche un ruolo importante nel contesto di tutta l’organizzazione amministrativa e finanziaria della Santa Sede. E’ dunque un compito importante, che ho accettato con gioia. Lo vedo più che altro come una missione e spero di essere in grado di soddisfare le aspettative che mi sono state “messe sulle spalle” quando mi è stata affidata questa responsabilità.

D. – Il suo predecessore è stato nominato in un contesto difficile. Aveva detto: una missione dolorosa. Adesso si passa alla fase II, in cosa consisterà?
R. – J’ai un gros avantage sur mon prédécesseur car j’arrive après le travail …
Io ho un grosso vantaggio rispetto al mio predecessore: arrivo dopo il lavoro che lui ha già svolto. E’ un vantaggio importante, certamente, e gli rendo omaggio per il lavoro svolto. Un altro vantaggio: sono stato coinvolto nei lavori della Commissione Cosea dal mese di agosto del 2013 e dal 2 maggio del 2014 al Consiglio per l’Economia. Questo mi ha permesso di avere una migliore conoscenza e comprensione del funzionamento dell’organizzazione amministrativa e finanziaria della Santa Sede, ma anche – e questo è importante! – della direzione che il Santo Padre vuole dare a tutta l’organizzazione. Dunque io arrivo allo Ior con una conoscenza più completa di quella che avesse il mio predecessore quando è arrivato: quindi, dove siamo e soprattutto quello che è importante dove il Santo Padre vuole che noi andiamo.

D. – Lei ha incontrato Papa Francesco in diverse occasioni, come membro del Consiglio per l’Economia. Qual è l’obiettivo per lo Ior?
R. – D’abord, je ne peux pas parler au nom du Pape. Je ne peux que vous donner …
Anzitutto io non posso parlare a nome del Papa. Non posso che dire la mia impressione su quanto ho compreso dei messaggi che il Papa ci ha fatto arrivare. In primo luogo la missione principale che il Papa ha in mente, quando parla dello Ior, è come la Chiesa, come la Santa Sede possa continuare ad aiutare – e aiutare sempre di più – i poveri e la diffusione della fede. Di qui la domanda: quali strumenti possiamo dargli nella gestione quotidiana dello Ior che gli permettano di aumentare gli aiuti destinati ai poveri e la diffusione della fede nel mondo? Questo è il primo elemento. Il secondo elemento – e questa è una caratteristica del Santo Padre – è la maggior trasparenza. E questo esercizio di trasparenza era già stato iniziato da Papa Benedetto XVI: è stato lui che aveva nominato Ernest von Freyberg. Quindi più trasparenza e soprattutto essere pienamente negli standard che sono applicati a livello internazionale. Lo Ior non deve in alcun caso essere diverso da tutti i principali istituti bancari. Ma con un focus molto importante sui clienti: dobbiamo assicurarci di rispondere alle aspettative del cliente, di rispondere alle esigenze delle Congregazioni e delle Diocesi e questo sia in termini di qualità del servizio che di qualità dei prodotti. Questo è un elemento che probabilmente caratterizzerà, ancor di più che nel passato, la fase II della riorganizzazione dello Ior rispetto alla fase I.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ior
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
RACHELE SAGRAMOSO,
Silvia Lucchetti
Rachele, da adolescente tormentata a mamma di...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni