Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Parla la Diocesi di Oppido “Nessuna commistione tra Chiesa e ‘ndrangheta”

Oppidomamertina.com
Condividi

Il clero locale si sacrifica con eroismo e spesso rimane unico punto di riferimento della comunità

​La Diocesi di Oppido Mamertina è tornata a parlare della processione "incriminata" chiedendo di avere rispetto e soprattutto di raccontare con precisione i fatti «Non condannate in blocco la nostra comunità, dimenticando che se certo non mancano ombre e debolezze, la stragrande maggioranza del nostro popolo vive una religiosità semplice e autentica e la Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi ha un clero che, giorno per giorno, su un territorio difficile, si sacrifica talora con eroismo e spesso rimane unico punto di riferimento di una Comunità schiacciata dal peso d’una quotidianità assillata da mille problemi». A riportare le dichiarazioni è Avvenire il 9 luglio.

Ieri al termine d’una riunione, il consiglio episcopale e dei vicari foranei, presieduto dal vicario generale Giuseppe Acquaro, ha manifestato «piena adesione» alle parole del vescovo locale, Francesco Milito, che condannano il gesto come «inconsulto, temerario e blasfemo» prendendo le distanze da quanto accaduto «nella convinzione che non ci può essere nessuna commistione tra Chiesa e ’ndrangheta».

I membri del consiglio episcopale confidano che le autorità religiose e civili «chiariscano senza incertezze quanto di fatto è avvenuto, nonché responsabilità e connivenze». 

FERMARE LE PROCESSIONI?

Le Ragioni del Sì

Le Ragioni del No

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni