Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 18 Giugno |
Beato Joseph-Marie Cassant
home iconStile di vita
line break icon

Partecipare a una gara di mangiatori è peccato di gola?

peccato di gola

Aleteia - Amici Domenicani - pubblicato il 08/07/14

L'ultimo evento di divoratori di hot dog made in USA fa sorgere una domanda sull'uso del cibo

Joey Chestnut si è divorato 61 hot dog in 10 minuti durante l’"International Hot Dog Eating Contest" e ha vinto la gara per l’ottava volta di fila. L’evento è una tradizione a New York che si svolge ogni 4 luglio, in occasione del giorno dell’Indipendenza. Vince la competizione chi riesce a mangiare più Hot Dog nell’arco di 10 minuti. 

Peccato di gola?
Basta guardare il video per accorgersi che non si tratta certo di una degustazione o di un apprezzamento del cibo. E’ una pratica molto comune negli USA, che va a toccare un argomento poco affrontato: l’ingordigia, o più comunemente chiamato peccato di gola. Per sciogliere un po’ di dubbi sul tema riportiamo un "domanda-risposta" tra un ragazzo e Padre Angelo Bellon degli Amici Domenicani.

Salve, 
sono un ragazzo credente, che ha un dubbio sul peccato di gola.
Non riesco a capire profondamente cosa sia, nel senso, che non riesco a capire come vada inteso, se per esempio io dovessi aver voglia di mangiare un gelato fuori pasto, quello è peccato? o magari mangiare abbondantemente durante i pasti? o viene inteso solo in casi limiti?
Le chiedo questo perché sono un ragazzo piuttosto attento alla propria dieta, soprattutto perché faccio sport, ma quando mi concedo qualcosa in più,  la ritengo di troppo e non riesco a non sentirmi in colpa, mi potrebbe aiutare a capire per favore, la ringrazio moltissimo per l’attenzione che mi concederà.

Risposta del sacerdote
Carissimo,
1. in genere i peccati di gola sono veniali perché non distolgono l’atto dal suo obiettivo intrinseco.
Mentre nella sessualità gli atti impuri sono direttamente contrari al loro obiettivo intrinseco (donazione totale di sé aperta alla vita), le azioni del mangiare e del bere non contraddicono la loro finalità intrinseca, che è quella di nutrire il corpo e di sostenere la mente.
Si tratta pertanto di azioni buone e doverose.
2. Si può parlare di peccato grave quando si mangia solo per mangiare e poi si va a vomitare oppure quando si beve in modo da non essere più padroni della propria mente (ubriachezza).
3. Gli eccessi nel cibo non sempre sono peccato. Lo sono quando lasciano qualche strascico o impedimento.
Se ti impediscono di studiare, di pregare, di stare raccolto, o anche di fare sport (che è pur necessario) evidentemente costituiscono una battuta d’arresto, un peccato di gola, ma non mortale.
4. Ma talvolta, soprattutto in occasione delle feste, si esige anche una certa abbondanza per distendere gli animi, per far festa, per essere lieti, per essere contenti di stare insieme, per prolungare la fraternità. E questa è una cosa buona e doverosa.
5. Scendendo adesso ad un esempio, anzi all’esempio che mi hai fatto: prendere un gelato fuori pasto.
Un motivo buono per prenderlo lo si trova facilmente. In questo caso non c’è alcun peccato.  
Vi può essere un’imperfezione, ma non peccato, quando al suo posto si poteva compiere un atto più virtuoso.
Vi è venialità se è solo per la gola e di fatto costituisce uno spreco.
Ti saluto, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo

Tags:
catechismopeccato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni