Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconNews
line break icon

Campagne di legalità e nuove abitudini per salvaguardare il creato

@DR

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 08/07/14

I dati sull'aumento dei tumori a Napoli e Taranto sono solo una parte di una vertenza ben più ampia. Dove il ruolo della Chiesa è sempre più incisivo

Una inversione di rotta radicale per rovesciare l’ultima fotografia scattata dall’Istituto Superiore di Sanità in due dei luoghi d’Italia maggiormente colpiti dalla piaga dell’inquinamento: Taranto e la Terra dei Fuochi. E’ il messaggio che lancia il Gruppo Custodia del Creato della Conferenza Episcopale Italiana attraverso Aleteia.

Il professore Simone Morandini, membro del settore Cei che si occupa delle problematiche ambientali, definisce «prevedibili» i dati su Taranto «dove la mortalità infantile registrata per tutte le cause è infatti maggiore del 21% rispetto alla media regionale» (Ansa, 5 luglio) e la Terra dei Fuochi «dove c’è un eccesso di mortalità rispetto al resto della regione del 10% per gli uomini e del 13% per le donne nei comuni in provincia di Napoli, mentre per quelli in provincia di Caserta è rispettivamente del 4 e del 6%». (Ansa, 5 luglio).

«Per quanto prevedibile – afferma Morandini – poiché parliamo di terre esposte per lungo tempo a sostanze tossiche, è un errore definirlo un dato "scontato". Anzi, è un dato che trasmette una sensazione di sconcerto e un desiderio di cambiamento». Per l’esponente del Gruppo Custodia del Creato la situazione è «molto complessa». «Nel caso della Campania parliamo di un problema di rifiuti strettamente collegato alla gestione della legalità di quella terra. I rifiuti, che ormai sono un fattore di sviluppo "verde", è inaccettabile che siano ancora causa di morte. E in questa direzione vanno apportati interventi ancora più incisivi, da parte del Governo, di quelli attuati sinora».

Ma le zone d’ombre non sono circoscritte a Terra dei Fuochi e Ilva. Basti pensare alle alte percentuali di tumori a Marghera o Brescia. «Non basta dire "approfondiamo" – denuncia Morandini – o far sollevare alcuni casi a scapito di altri, perché la strategia deve essere complessiva. Peraltro i dati diramati dall’Istituto Superiore di Sanità non rappresentano una novità, ma meglio circoscritti, di uno studio dello stesso Istituto condotto nel 2007 insieme all’Organizzazione Mondiale della Sanità. Quindi era tutto molto noto».

In ambito ecclesiale, il tema della "salvaguardia del creato" è già una "vertenza", «attraverso il linguaggio della denuncia come diversi presbiteri e comunità hanno fatto ad esempio nella Terra dei Fuochi, attraverso il linguaggio della testimonianza e stimolando forme di consumo sobrie, attraverso il linguaggio dell’educazione, formando le coscienze dei fedeli». E bisogna fare ancora di più, «facendo comprendere il nostro legame inscindibile con la terra e vivere in sintonia con essa. Nei giorni scorsi sono stato in Sicilia – conclude il membro del Gruppo Custodia del Creato della Cei – terra bellissima ma in alcune zone segnata da incuria e disamore con spazzatura gettata ovunque, anche nei pressi di aree molto interessanti da un punto di vista paesaggistico. Legalità e cambiamento dei nostri costumi sono l’unica ricetta per invertire la rotta».    

Tags:
creatoterra dei fuochi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni