Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconChiesa
line break icon

Il segreto di Francesco? È anticlericale

Vincenzo Pinto/AFP

Fabio Colagrande - Vinonuovo.it - pubblicato il 07/07/14

Riconoscere nel clericalismo la vera patologia della Chiesa di oggi è una prospettiva che sposta sull'autoreferenzialità la responsabilità della secolarizzazione

Affacciato alla finestra della redazione guardo la jeep bianca con a bordo Papa Francesco che procede tra due ali di folla su via della Conciliazione. È appena terminata la cerimonia di canonizzazione di Giovanni XXII e Giovanni Paolo II. Accanto a me un padre gesuita spagnolo riflette ad alta voce guardando quella scena. "Eppure ancora non mi spiego il vero motivo della popolarità di questo Papa…". Rimango interdetto, incapace di rispondergli.

Qualche giorno dopo incontro un amico filosofo. Un accenno di barba sul mento, il passo dinoccolato e il casco della lambretta in mano, mi racconta che sta per pubblicare un libro sul Papa. "Tu quoque!?", vorrei urlargli in faccia con sdegno. Pensavo non arrivasse a tanto. Ma essendo un caro compagno di viaggio lo ascolto pazientemente espormi la sua tesi. Bergoglio è anticlericale, ma non antiecclesiale. E’ questo il quid del suo magistero, da cui deriva direttamente e necessariamente il rilancio del laicato nella Chiesa. Mi affascina e comincio a rimuginarci su.

Terzo episodio. Un monaco benedettino di origini pugliesi che vive in Valle d’Aosta viene a Roma per presentare un suo libro. In una parrocchia romana, davanti a un coraggioso pubblico, lo incalzo con le mie ficcanti domande da moderatore vaticano. Ne partorisco una sensazionale: "Qual è il segreto del successo di Papa Francesco?". Mi guarda disgustato, mentre l’uditorio pende dalle sue labbra. Poi sbotta: "E’ anticlericale". E io penso: "Bingo".

"Quando nel popolo di Dio non c’è profezia, il vuoto che lascia viene occupato dal clericalismo". "Il clericalismo è uno dei mali della Chiesa. Ai preti piace la tentazione di clericalizzare i laici, ma tanti laici, in ginocchio, chiedono di essere clericalizzati". "La malattia tipica della Chiesa ripiegata su se stessa è l’autoreferenzialità. È una specie di narcisismo, che ci conduce alla mondanità spirituale e al clericalismo". Tre citazioni bergogliane per provare a capirci.

Secondo me, la chiave di lettura dell’anticlericalismo non solo spiega il motivo per cui Francesco ha fatto breccia nel cuore e nella mente di tanti, credenti, praticanti e non. Ma è la chiave di volta per intendere ogni parola del suo magistero. Capito questo si capisce il suo pontificato. E si comprende perché a molti di noi risulti indigesto.

Francesco è convinto che la Chiesa si ammali ogni volta che perde il contatto diretto con Dio. Ogni volta che non riesce più ad ascoltare la sua Parola, a lasciarsi guidare dal soffio dello Spirito. Nell’Antico Testamento il popolo pecca d’idolatria perché si costruisce il Vitello d’oro come succedaneo della divinità. Nella visione di Francesco oggi i cattolici creano spesso istituzioni, organizzazioni e dottrine che rimpiazzano Dio e peccano, a loro volta, d’idolatria Siamo giunti così a dare alla religione lo statuto della fede. Utilizziamo pratiche, regole, comportamenti religiosi, necessari, ma che vengono dall’uomo e non da Dio. In fondo, il clericalismo è la religiosità senza fede, l’incapacità di essere docili allo Spirito, di abbandonarsi alla "libertà inafferrabile della Parola" che sfugge alle nostre previsioni e rompe i nostri schemi, come ricorda l’Evangelii gaudium al numero 22.

Un altro gesuita, di professione biblista, Francesco Rossi De Gasperis, sostiene, non a caso, che il più grande gesto anticlericale della storia della Chiesa lo abbia compiuto Benedetto XVI con la sua rinuncia. Una scelta maturata nella preghiera, con l’intenzione di fare la volontà di Dio e non quella dell’uomo. Un atto che ha rappresentato, infatti, l’overture di un pontificato profondamente anticlericale. Ma, tornando indietro nella storia, si potrebbe citare fra i grandi gesti anticlericali anche l’altrettanto sorprendente convocazione del Concilio da parte di S. Giovanni XXIII. Contro gli schemi umani, affidandosi allo Spirito.

  • 1
  • 2
Tags:
clericalismopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni