Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconChiesa
line break icon

Cosa pensano i musulmani degli estremisti

© STRDEL / AFP

<div class="itemNarrow"> <p> 13418</p> </div> <div class="itemNarrow"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Acc&egrave;s</h3> <p> Restreint</p> </div> <div class="itemNarrow"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Original Filename</h3> <p> Bus_000_Del6235702.j<br /> pg</p> </div> <div class="itemNarrow"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Country</h3> <p> BANGLADESH</p> </div> <div class="itemNarrow"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Creation Date</h3> <p> 01 ao&ucirc;t 13</p> </div> <div class="itemNarrow"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Credits</h3> <p> &copy; STRDEL / AFP</p> </div> <div class="itemNarrow"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Iconographer</h3> <p> Hugues</p> </div> <div class="itemNarrow"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Agency file number</h3> <p> Del6235702</p> </div> <div class="itemNarrow"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Agency contact</h3> <p> AFP</p> </div> <div class="itemNarrow"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Photo research date</h3> <p> 06 ao&ucirc;t 13</p> </div> <div class="clearerleft"> &nbsp;</div> <div class="item"> <h3 style="padding:0;margin:0;vertical-align:top;font-size:1em;font-weight:normal;"> Abstract/Legend</h3> <p> &nbsp;</p> <p> A bus, allegedly set on fire by demonstrating Bangladesh Jamaat-e-Islami activists following a verdict banning the party from contesting next year&#039;s elections, burns in Bogra, some 120kms north of Dhaka, on August 1, 2013. Bangladesh&#039;s main Islamist party was banned from contesting next year&#039;s election when the high court ruled that Jamaat-e-Islami&#039;s charter breached the country&#039;s secular constitution. AFP PHOTO/STR</p> </div> <br />

Città Nuova - pubblicato il 06/07/14

Una ricerca, realizzata dal Pew Research Center, svela come in 14 Paesi a prevalenza islamica, dal Libano alla Nigeria, dal Bangaldesh alla Palestina, sia aumentato il timore nei confronti dei fondamentalisti rispetto allo scorso anno

In questi giorni sono stati pubblicati i risultati di una ricerca sull’atteggiamento di popolazioni di vari Paesi del mondo, molti dei quali a larga maggioranza musulmana, nei confronti del fondamentalismo islamico. L’indagine è stata realizzata dal Pew Research Center, prestigioso centro studi americano, tra il 10 aprile e il 25 maggio con un campione di 14.200 persone di 14 Paesi.

Il timore per l’escalation del fondamentalismo islamico – e la ricerca si è svolta prima delle ultime tragiche vicende irachene – appare essere molto diffuso anche all’interno dei Paesi a maggioranza musulmana.
I dati dell’indagine che sono stati pubblicati online  rivelano che la paura nei confronti dei fondamentalisti non caratterizza solo i Paesi occidentali o a maggioranza cristiana.

Libanesi, tunisini, egiziani, giordani e turchi, popolazioni tutte a maggioranza musulmana, mostrano una preoccupazione maggiore di quella emersa lo scorso anno nel corso di una indagine simile.
In Libano, Paese confinante con la Siria, il 92 per cento degli intervistati dice di essere preoccupato per l’estremismo islamico. Il dato è dell’11 per cento superiore a quello dell’anno scorso ed è uguale tra sunniti, sciiti e cristiani. Anche in Tunisia ed Egitto la preoccupazione è espressa, rispettivamente, da circa l’80 per cento e 75 per cento degli intervistati. L’Asia non fa eccezione con Bangladesh, Pakistan e Malesia che si attestano fra il 69 ed il 63 per cento.
Altri Paesi a larghissima maggioranza musulmana condividono la stessa paura, sia pure con percentuali più moderate, ma pur sempre molto significative. In Turchia, infatti, sono il 50 per cento coloro che si dicono preoccupati ed in Indonesia il 39 per cento.

Il problema è presente anche in Africa, dove la Nigeria rivela un tasso di preoccupazione pari al 72 per cento del campione intervistato. Nel Paese africano il Boko Haram, l’organizzazione fondamentalista che colpisce luoghi di culto e, da qualche mese, rapisce giovani donne, è temuto dal 72 per cento degli intervistati, e in generale la popolazione presenta caratteri di grande preoccupazione per il futuro del Paese.

Il parere dell’opinione pubblica nei confronti di gruppi di estremismo e fondamentalismo, avvezzi anche ad attacchi terroristici, è altamente negativo con un uguale partecipazione da parte di cristiani e musulmani. Questo è condiviso sia nei confronti di Hamas ed Hezbollah in Libano, come detto, Boko Haram in Nigeria ed anche talebani ed Al Qaeda in Pakistan.

La situazione della Siria ha, senza dubbio, contribuito a marcare un forte aumento di timore nei confronti del fondamentalismo islamico nei Paesi confinanti, a cominciare dal Libano, ma con chiare conseguenze anche su Giordania e Turchia. Il 62 per cento dei giordani si dice preoccupato per l’estremismo – con un aumento di 13 punti rispetto al 2012 – preoccupazione comune alla metà dei turchi, con una crescita del 18 per cento nel confronto con due anni fa.

Altri dati interessanti sono quelli che riguardano i palestinesi. Fra di loro solo il 46 per cento ritiene giustificabili gli attentati suicida contro civili, in netto calo rispetto al 70 per cento del 2007.

Qui l’originale

Tags:
estremismo islamicofondamentalismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni